Fai da te costruzioni
levigatrici black+decker
Home / Fai da te / Attrezzatura / Levigatrici BLACK+DECKER | Recensione modelli KA199 e KA2000

Levigatrici BLACK+DECKER | Recensione modelli KA199 e KA2000

 

Abbiamo testato “sul campo” le levigatrici BLACK+DECKER KA199 E KA2000, mettendono in luce peculiarità, differenze e finalità d’uso. Ecco il nostro responso

Le valutazioni che vanno sempre fatte sull’oggetto che si sta per levigare servono sicuramente per decidere quale sia la carta abrasiva più adatta all’occasione, ma anche se sia più indicata una levigatrice orbitale oppure una rotorbitale.

Differenza tra le levigatrici BLACK+DECKER KA199 e KA2000

La levigatrice orbitale KA 2000 ha la piastra che effettua un movimento rotatorio attorno all’asse verticale, mentre la levigatrice rotorbitale KA199 unisce al movimento orbitale anche una vera e propria rotazione della piastra. Il vantaggio della prima è che la piastra può avere diverse forme (rettangolare, quadrata e a delta), adattandosi perfettamente a lavorare negli angoli e, con elementi aggiuntivi, anche nei punti difficilmente accessibili (fra le stecche delle persiane); inoltre la sua azione è facilmente gestibile, essendo più delicata. La levigatrice rotorbitale KA199 può avere soltanto la piastra rotonda, ma l’unione dei due movimenti sviluppa una potenza di levigatura enormemente più elevata, permettendo di procedere veloci sulle ampie superfici; inoltre l’unione di due movimenti impedisce la formazione dei classici segni circolari che restano sulle superfici, specialmente quelle dure, usando le orbitali. Entrambe hanno la piastra con attacco a velcro per la carta abrasiva; quella orbitale può averlo anche a molla.

levigatrici black+decker

  • Levigatrice rotorbitale KA199: Il doppio movimento della levigatrice permette di lavorare le superfici senza lasciare segni, ottenendo rifiniture di alta qualità. La rimozione del materiale è molto rapida e il lavoro si completa in fretta e senza sforzi grazie anche a numerose aree gommate di impugnatura (superiore, laterale e sul corpo). Sacchetto raccoglipolvere filtrante, per un’area di lavoro più pulita. Sistema di attacco carta a velcro; in dotazione un foglio abrasivo a lunga durata. Potenza 240 W, velocità a vuoto 14.000 giri/min, diametro orbite 3 mm, diametro platorello 125 mm, lunghezza cavo 2 m, freno. Costa euro 59,95.
  • Levigatrice orbitale a delta KA2000: Levigatrice orbitale con piastra a delta (Mouse®) la cui punta raggiunge bene gli angoli a 90°, con possibilità di montare il puntale aggiuntivo di levigatura dettagli. Ottimo controllo grazie al design compatto e alle 3 aree di impugnatura gommate, contenitore con sistema a microfiltri per la raccolta della polvere. In dotazione 3 fogli di speciale carta abrasiva (+ 2 fogli per il puntale) che dura fino a 4 volte di più rispetto alla carta standard; confezione in borsa morbida. Potenza 120 W, velocità a vuoto 14.000 giri/min, diametro orbite 2 mm, lunghezza cavo 2 m. Costa euro 49,95.

Levigatrici BLACK+DECKER nei dettagli – Orbitale a delta KA2000

sistema a microfiltri black+decker

1 –  Molto efficace il cassetto di aspirazione polvere con sistema a microfiltri, che cattura anche le particelle più minuscole. L’innesto del cassetto è a pressione, con o-ring di gomma che lo trattiene e impedisce alle polveri di fuoriuscire.

2 – Tolto l’intero corpo filtrante, si svuota separando i due gusci che lo compongono.

3 – 4 Per applicare il puntale aggiuntivo in dotazione, va tolta e poi rimessa la vite che blocca il tassello di punta romboidale della piastra.

5 – Sia il tassello sia il puntale hanno due scontri che si innestano in spazi della piastra, atti a rendere molto solida la loro giunzione; cosa necessaria visto che la punta è la zona solitamente più sollecitata della piastra.

6 –  L’attacco per la carta abrasiva fa affidamento sul velcro, molto comune e molto comodo per una sostituzione rapida del foglio consumato.

7 – L’avviamento della levigatrice avviene tramite il pulsante a scorrimento posto sul dorso dell’impugnatura.

Leggi la scheda tecnica sul sito BLACK+DECKER

Levigatrici BLACK+DECKER nei dettagli – Rotorbitale KA 199

1 –  Il sistema di filtraggio della KA199 ha un corpo filtrante che si estende posteriormente al suo raccordo di plastica che si innesta nel tubo di uscita delle polveri. Il blocco/sblocco avviene con sistema a baionetta.

2 – La piastra con sistema a velcro ha i classici fori, che deve avere anche la carta abrasiva, per l’aspirazione delle polveri; ma non quella ad alto rendimento, in dotazione, che è formata da un reticolo in cui l’aria passa liberamente.

3 – Il sistema di avviamento della macchina è direttamente collegato a un’ampia porzione dell’impugnatura, sotto la quale è situato un interruttore a molla. Con la spina scollegata dall’alimentazione, se si preme il dorso, si avverte il clik di intervento dell’interruttore.

4 – La macchina, tuttavia, ha anche un altro interruttore di blocco/sblocco, con una duplice funzione: una è quella di impedire l’accensione involontaria dela macchina, nel caso si prema inavvertitamente il dorso, con la spina inserita; l’altra è quella di bloccare accesa la macchina durante le sessioni di lavoro più lunghe.

5 – La levigatrice va avviata impugnandola in questo modo, senza toccare la superficie da lavorare, ma avvicinandosi a essa quando ha raggiunto la velocità massima; mai applicare eccessiva forza in appoggio.

Leggi la scheda tecnica sul sito BLACK+DECKER

Borsa morbida per il trasporto delle levigatrici BLACK+DECKER

borsa portalevigatrici

La borsa morbida per il trasporto della levigatrice è un’ottima soluzione per raccogliere elettroutensile, accessori e carta abrasiva in un unico contenitore e portare, come si suol dire, “in cantiere” tutto ciò che serve. Questo tipo di borsa si apprezza soprattutto per la praticità e rapidità con cui si ripone ogni cosa al suo interno, senza dover avvolgere perfettamente il filo tutte le volte, come necessario per chiudere le valigette rigide.

Conclusioni

In conclusione possiamo dire che con le levigatrici BLACK+DECKER ortbitale e rotorbitale si ottiene un identico risultato, usando carta abrasiva con stesse caratteristiche, ma quello che fa una, l’altra non è in grado di farlo. Quindi, sono necessarie entrambe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *