Fai da te costruzioni
Home / Fai da te / Costruzioni fai da te / Esterni / Contenitori per orto sul balcone fai da te modulari
Contenitori per orto sul balcone

Contenitori per orto sul balcone fai da te modulari

 

Questi contenitori per orto sul balcone fai da te sono modulari e possono essere affiancati o sovrapposti, così da permettere la coltivazione di aromatiche, fiori ed ortaggi sfruttando al meglio lo spazio a disposizione sul terrazzo

Per chi non dispone di uno spazio verde proprio i contenitori per orto sul balcone fai da te sono un’ottima soluzione per avere un piccolo orto in terrazzo : i contenitori impilabili minimizzano l’ingombro a terra e tra di essi c’è aria e luce anche per le piante che si trovano ai livelli inferiori, fermo restando che quando la terrazza non è frequentata possono essere disposti a terra, raggruppandoli in altezza solo se necessario.

Misure dei contenitori per orto sul balcone 
Ciascun modulo misura 40×40 cm ed è alto 50 cm; il vano profondo 23 cm concede spazio per lo sviluppo ottimale delle radici. Uno di questi viene “sacrificato” per essere utilizzato come sedile e contenitore di attrezzi, senza ulteriori ingombri. Se per fare il primo occorre un certo tempo, per quelli successivi il lavoro scorre più velocemente, in quanto si tratta di ripetere le stesse fasi, con maggiore dimestichezza: in un fine settimana si realizza una struttura come quella raffigurata, senza bisogno di attrezzature sofisticate e con listelli prefiniti.

Eventualmente, possiamo pensare anche di costruire un orto rialzato fai da te

Cosa serve per costruire dei contenitori per orto sul balcone fai da te (per ciascun modulo):

  • Listello 19×68 mm: 4 gambe A da 500 mm; 6 lati B da 400 mm; 6 lati C da 362 mm
  • Listello 19×45 mm: 4 gambe D da 500 mm
  • Listello 8×21 mm: 2 coperture E da 400 mm; 2 coperture F da 384 mm
  • Un riquadro di rete zincata a maglia quadrata G da 400×400 mm;
  • Un telo di plastica da circa 900×900 mm;
  • colla vinilica;
  • impregnante per legno;
  • viti 4×35 e 12×25 mm;
  • graffette 1,2×25 mm;
  • cambrette 1,6×15 mm;
  • chiodi 2,5×55 mm
  • Per il coperchio: 5 listelli J 19x68x400 mm; 2 listelli K 19x68x340 mm; viti 4×35 mm.

Il progetto

contenitori modulari

La costruzione in serie dei moduli

come costruire un vaso per orto balcone

  1. Si inizia ad assemblare ogni gamba con due tavolette (A e D); si spalma la colla sul bordo della tavoletta D e, utilizzando un listello di pari altezza come riscontro, si uniscono le due parti serrandole poi con una coppia di morsetti.
  2. L’unione viene stabilizzata con l’inserimento di alcuni chiodi Ø 2,5×55 mm.
  3. Per rifinire i bordi dopo l’incollaggio torna molto utile una levigatrice a nastro utilizzata come stazionaria, capovolgendola sul banco.
  4. Tra una coppia di gambe si inseriscono due tavolette B e si fissano al piano due riscontri laterali: questi faranno da guida nell’assemblaggio in serie degli altri fianchi.
  5. Le tavolette laterali vengono preforate con una punta da 4 mm di diametro; in base alla lunghezza della punta è possibile sovrapporre più tavolette e forarle in serie.
  6. Con l’aiuto di alcuni distanziali calibrati da 10 mm di spessore si avvitano le tavolette alle gambe utilizzando viti Ø 4,0×35 mm. Va ricordato che per ciascun lato la tavoletta in alto deve sporgere 10 mm rispetto alle gambe, in modo da ottenere una guida perimetrale per sovrapporre stabilmente un altro modulo.
  7. Ci si appresta a preparare anche il lato opposto al precedente.
  8. Si posizionano i due lati finiti in verticale e, sempre con l’aiuto dei riscontri, si assembla anche il terzo lato con i listelli C.
  9. Capovolta la struttura, si completa anche il quarto lato fissando le ultime 3 tavolette.
  10. Si completa con il fissaggio della rete.

Come rivestire i contenitori per orto sul balcone

foderare il vaso

  1. Si inchioda alla base di ciascun modulo un riquadro di rete metallica zincata con cambrette Ø 1,6×15 mm.
  2. L’interno di ciascun modulo viene rivestito con un telo di plastica; alcuni mattoni collocati negli angoli aiutano a mantenerlo in tensione mentre lo si fissa con le graffette.
  3. Il telo in eccesso va rifilato a livello delle tavolette superiori.
  4. La struttura va protetta con due mani di impregnante per legno, come pure i bordini che rifiniscono internamente i bordi superiori di ogni modulo.
  5. Il modulo pronto per essere riempito con terriccio.
  6. Sul modulo da utilizzare come seduta si realizza una copertura con i listelli J e K uniti con viti Ø 4,0×35 mm: deve incastrarsi nel vano interno.

I moduli sono sovrapponibili

moduli sovrapponibili

Anche dopo aver messo a dimora le piante, peso e dimensioni dei moduli ne consentono lo spostamento e la sovrapposizione in base allo spazio disponibile ed allo sviluppo delle specie. La battuta perimetrale ne facilita l’incastro e le gambe sono abbastanza robuste da permettere di sovrapporre fino a tre moduli, quindi ciascuno può decidere quanti realizzarne per il proprio terrazzo. La composizione può essere utilizzata anche come barriera protettiva da vento e sguardi, arrivando ad un’altezza fino a due metri con lo sviluppo aereo delle piante.

Preparare il terreno

inserimento del terriccio universale

  1. Il coperchio del sedile è soltanto appoggiato sui contenitori per orto sul balcone ed il vano interno può essere utilizzato per contenere gli attrezzi da giardinaggio: un contenitore di plastica li protegge dall’umidità e dall’acqua delle innaffiature.
  2. Gli altri moduli vengono riempiti con terriccio di tipo universale, eventualmente miscelato con poco stallatico o con concime specifico per le diverse specie da mettere a dimora.
  3. Prima, però, è preferibile disporre uno strato di argilla espansa, in modo da mantenere il terreno umido anche con innaffiature di scarsa entità. Non essendoci un drenaggio sul fondo, infatti, bisogna evitare di bagnare eccessivamente il terreno per non causare ristagni che possono danneggiare le radici.
  4. Terminato il lavoro, gli attrezzi possono essere ripuliti ed asciugati, quindi riposti sotto il sedile.

Quali erbe mettere a dimora?

erbe aromatiche

  1. Prezzemolo ed erba cipollina sono tra le erbe aromatiche più utilizzate in cucina: in particolar modo per il prezzemolo bisogna mantenere un terreno costantemente umido, ma senza ristagni.
  2. I contenitori con le piante che si sviluppano maggiormente in altezza o che hanno bisogno di più luce vanno collocati in alto. Qui si nota una pianta di Lemongrass, formata da steli che, se spezzati, odorano di limone, molto in uso nella cucina thailandese; l’altra è una Aloysia Citrodora, verbenacea più conosciuta come Erba Luigia, le cui foglie odorano di agrumi.
  3. Le foglie argentate dell’Elicriso, se strofinate, emanano un piacevole aroma che ricorda il curry; in realtà, nulla ha a che vedere con la miscela di aromi e spezie utilizzata per insaporire i risotti.
  4. Anche del basilico esistono diverse specie, alcune soltanto ornamentali (questa è una Blu Africana), altre, come il profumatissimo basilico comune, indispensabili nella cucina italiana.

E per chi non ha il balcone?

Chi non ha un balcone può seguire questa guida passo-passo e costruire un bellissimo orto in cassetta fai da te

Contenitori per orto sul balcone fai da te modulari ultima modifica: 2015-08-04T15:23:34+00:00 da Redazione Bricoportale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *