Fai da te costruzioni
Home / Fai da te / Manutenzione e riparazione / Cappa aspirante – La manutenzione
cappa aspirante, cappe aspiranti, faber, cappa cucina, cappa, cappe faber, cappa elica, cappe, cappa faber, cappe cucina,

Cappa aspirante – La manutenzione

 

Avere una cappa aspirante in piena efficienza migliora la vivibilità della nostra cucina e… dei nostri vicini.

Sistemata sulla verticale del piano di cottura, la cappa aspirante ha il compito di evitare la diffusione di umidità e odori nell’ambiente, aspirando fumi e vapori di cottura.

La cappa aspirante ha una ventola di aspirazione collocata lungo la canna fumaria (se presente) o in posizione tangenziale, più protetta da fumo e grasso, se la cappa è del tipo a ricircolo interno. In entrambi i casi è presente un filtro il cui compito è particolarmente importante nelle cappe cucina a ricircolo interno perché trattiene la maggior parte dei fumi e degli odori e impedisce che questi ritornino nell’ambiente.

Tale filtro si “esaurisce” in breve tempo e dobbiamo provvedere alla sua sostituzione (almeno ogni tre-quattro mesi). Nell’occasione puliamo tutta la superficie interna della cappa aspirante con un prodotto sgrassante, facendo attenzione ai collegamenti elettrici.

Cappa aspirante – è utile sapere che…

cambio lampadina cappa
La lampadina che illumina il piano di cottura e il relativo diffusore si ricoprono di un velo di deposito grasso. Periodicamente dobbiamo togliere il diffusore, asportare la lampadina e pulire tutto con un liquido sgrassante. Queste operazioni vanno effettuate a tensione scollegata.

 La manutenzione

manutenzione cappa

  1. Rimuoviamo dalla sua sede la griglia protettiva che sorregge il filtro. Alcuni modelli dispongono di alette laterali che è sufficiente sbloccare ruotandole per aprire il frontalino con il filtro.
  2. Dopo aver eliminato il vecchio filtro poniamo la griglia sotto un getto d’acqua e, con la spazzola e un buon prodotto che sciolga i grassi, laviamo accuratamente  tutta la superficie forellata.
  3. Possiamo effettuare una pulizia più approfondita utilizzando la pistola del compressore. Il forte getto d’aria che fuoriesce dall’ugello consente una perfetta rimozione anche delle parti più ancorate.
  4. Collochiamo il nuovo filtro inserendolo nelle guide della griglia. Se non troviamo il ricambio specifico possiamo utilizzare i filtri standard che sagomiamo con le forbici della forma voluta.
  5. Il fissaggio del filtro è assicurato, a seconda dei modelli di cappa aspirante, da astine poste ai lati della griglia che si alzano e si abbassano, oppure da molle regolabili o da supporti ruotabili.

Espulsione e ricircolo

1: la cappa a espulsione dei fumi è collegata a una canna fumaria che comunica con l’esterno e il tiraggio viene reso più energico da un aspiratore a più velocità.
2: se la canna fumaria manca, si usa la cappa a circuito chiuso che filtra i vapori prima di reimmetterli nell’ambiente. Molte cappe di questo tipo presentano anche un filtro a carboni attivi che è in grado di assorbire notevolmente gli odori di cucina, ma dobbiamo sostituirlo con una certa frequenza.
Cappa aspirante – La manutenzione ultima modifica: 2017-06-15T09:23:06+00:00 da Redazione Bricoportale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *