Fai da te costruzioni
Home / Fai da te / Costruzioni fai da te / Costruire tavoli / Riciclare il cestello della lavatrice
Tavolino con cestello recuperato

Riciclare il cestello della lavatrice

 

Tavolino da salotto illuminato con riutilizzo del cestello della lavatrice

Recuperiamo il cestello di una lavatrice ormai dismessa, per ottenere un singolare tavolino luminoso. Dobbiamo incominciare con la rimozione del supporto della lavatrice che trasmette il movimento al cestello e, una volta liberato quest’ultimo, asportiamo con il seghetto alternativo la parte centrale. L’illuminazione è data da due faretti, alloggiati nella parte inferiore del cestello e collegati al cavo di alimentazione tramite cappellotti e scatola di derivazione.
Il piano del tavolino, costituito da un disco di legno di buon spessore, va collocato sulla faccia anteriore del cestello, quella che presenta l’apertura dell’oblò, ma distanziato da questa grazie all’inserimento di tre supporti, in modo che la luce possa filtrare anche da sotto il piano e, al tempo stesso, garantire un’altezza complessiva accettabile.
Le ruote piroettanti ne facilitano lo spostamento per le pulizie.

Cosa serve per la costruzione

recupero-cestello

  •  Cestello lavatrice recuperato
  • Tavola di compensato marino da 18 mm
  •  Faretti con lampadine da 40 W
  • Morsetti a cappellotto
  • Scatola di derivazione
  • Viti tirafondi e dadi ciechi
  • Distanziatori d’alluminio
  • da 70 mm ø 15 mm
  • Trapano, seghetto alternativo
  • Chiavi a forchetta, compasso
  • Tre ruote piroettanti ø 50 mm

Come procedere per la costruzione del tavolino-cestello illuminato

passo-passo-cestello

  1. Rimuoviamo la struttura che trasmette il movimento dal motore al cestello e asportiamo da questo la parte centrale con il seghetto alternativo, dotato di lama da ferro e azionato lentamente.
  2. Con il compasso tracciamo un cerchio ø 60 cm sulla tavola di compensato marino. Tagliamo via la parte in eccesso con il seghetto alternativo avendo cura di evitare che la lama lasci scalini.
  3. Con il trapano pratichiamo tre fori sulla parte esterna del cestello a 120° e a 3-4 cm dal bordo con una punta da 7 mm, in modo da fissare i faretti collocandoli contrapposti uno all’altro.
  4. Avvitiamo la scatoletta di derivazione (con bullone e dado) cercando di collocarla in modo che non risulti visibile dall’esterno. Se possibile isoliamo la testa del bullone all’interno della scatoletta.
  5. Colleghiamo il cavo di alimentazione utilizzando morsetti a cappellotto. Il filo della messa a terra si collega con un terminale a forchetta, in modo che venga bloccato dal dado del bullone.
  6. Fissiamo i distanziali tra il cestello (preventivamente forato) e il piano d’appoggio inserendo i tirafondi e serrandoli con rondelle e dadi ciechi. Nella parte inferiore si avvitano le ruote piroettanti.

collegamenti

Riciclare il cestello della lavatrice ultima modifica: 2014-08-29T16:49:34+00:00 da Redazione Bricoportale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *