Fai da te costruzioni
mobile sottolavello
mobile sottolavello
Home / Fai da te / Tecniche / Lavorare il ferro / Mobile sottolavello fai da te in ferro battuto | Guida alla realizzazione

Mobile sottolavello fai da te in ferro battuto | Guida alla realizzazione

 

La struttura di questo mobile sottolavello fai da te in ferro battuto è realizzata a misura dello spazio per il lavello, le volute sono sagomate senza utilizzare dime di piegatura, anche le fascette e i piedi sono artigianali

Il lavello doveva essere posizionato su una base in muratura, ma il muratore continuava a rimandare il lavoro, finché il nostro lettore Giuseppe Miloscio ha deciso di arrangiarsi in altro modo, costruendo un mobile sottolavello in ferro fai da te.

adduzione idrica cucina

Artigiano del ferro per passione e non per lucro, si è messo all’opera per comporre un’incastellatura su cui il lavello calzasse alla perfezione, robusta a sufficienza da reggerne il peso e, già che c’era, in uno stile analogo a quello di un tavolo da pranzo costruito tempo prima.

Cosa serve per costruire un mobile sottolavello fai da te in ferro

Le gambe e le traverse del mobile sottolavello in ferro battuto inferiori sono realizzate in ferro pieno da 30×30 mm, condizione necessaria a garantire robustezza alla struttura. La cornice su cui appoggia il lavello è rifinita con ferro piatto 40×8 mm sagomato attorno alla cornice superiore, in modo da contenere il lavello che appoggia su di essa.

Le volute frontali si realizzano a partire da tondo Ø 14 mm che viene curvato a caldo senza l’ausilio di dime di piegatura del ferro, “a occhio”, un’operazione che solo chi sa il fatto suo è in grado di compiere con la necessaria regolarità, facendo risultare solo le impercettibili differenze tipiche del fatto a mano; anche le fascette sono ricavate da piattina 12×3 mm piegata a caldo e bloccata alle volute con un piccolo punto di saldatura ad arco.

Saldature ad arco e sagomature col cannello

1 – Le torciture a caldo che arricchiscono le gambe in ferro sono evidenziate dalla tipica colorazione azzurra che assume il ferro dopo essere stato arroventato e raffreddato; ideale è l’uso della fucina ma, dato che la zona da torcere è molto limitata, si può usare anche solo il cannello a gas.

saldatura ad arco

2 – Preparati tutti i pezzi che compongono lo scheletro del supporto, si provvede a unirli per saldatura, in questo caso ad arco.

3 – L’esperienza porta a realizzare saldature ben distribuite, uniformi e poco evidenti; nonostante ciò, una passata con la smerigliatrice è necessaria per eliminare l’eccesso e lisciare la superficie, in modo che, con l’applicazione della finitura, la giunzione rimanga impercettibile.

4 – Il piatto applicato esternamente per formare la sede del lavello (appoggiato poi su un cordone di silicone) si curva attorno agli angoli a martellate, assicurandolo man mano che si avanza con la saldatura. Anche le volute, come le gambe, vengono ritorte in alcuni tratti; i piedi sono ricavati da 4 piatti sagomati; l’intera struttura viene verniciata nero opaco, mentre alcuni particolari vengono evidenziati con una colorazione dorata.

sottolavello in ferro

Mobile sottolavello fai da te in ferro battuto | Guida alla realizzazione ultima modifica: 2017-04-14T15:57:36+00:00 da Redazione Bricoportale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *