Attrezzi fai da te

Dadi e bulloni | Come e quando utilizzarli

0
dadi e bulloni
dadi e bulloni
 

Per unire parti metalliche senza saldatura, conservando la separabilità dei pezzi si usano dadi e bulloni… e le rondelle!

Quando si parla di dadi e bulloni occorre sapere che ogni modello di bullone corrisponde ad un uso preciso;  i bulloni a testa esagonale vengono adoperati per l’assemblaggio di parti metalliche, i bulloni a testa quadra per lavori di carpenteria in legno, dadi e bulloni a testa fresata con o senza cupola per lavori di precisione; la filettatura dello stelo è fissata da precise norme internazionali che consentono così l’intercambiabilità di dadi e rondelle.

Lo stelo del bullone può anche non essere interamente filettato per offrire nella parte liscia una maggiore resistenza. I dadi ciechi si utilizzano a scopo decorativo su parti in vista. Per un fissaggio ancora più solido si impiegano dadi e bulloni particolari come: copiglie, spine coniche, speciali rondelle ad aletta.

Norme internazionali ISO per dadi e bulloni

dadi e bulloni iso

Le norme internazionali ISO fissano le misure del bullone in un numero limitato di gruppi; è prevista la testa esagonale, quadra, fresata e a cupola.

Come si utilizzano

calibro

Usando le punte per interni del calibro si misura il diametro del foro per la vite. La misura del bullone deve essere di poco inferiore.

dado a colletto lungo

Per i fori passanti si utilizza un bullone (vite+dado) con colletto più lungo e rondella piana o elastica.
Il serraggio si esegue tenendo fermo il dado e ruotando la vite.

rondella

La rondella gioca un doppio ruolo: induce il bloccaggio del dado e protegge i pezzi dalla deformazione aumentando la superficie d’appoggio.

dadi a farfalla

I dadi a farfalla o “galletti” si usano su parti in cui si presenti frequentemente la necessità di smontaggio senza l’uso di utensili. Non sono adatti a bloccaggi forti.

copiglia

Con l’inserimento di una copiglia in un foro praticato nella vite il dado diventa adatto per parti sottoposte a vibrazioni che non devono assolutamente separarsi.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *