Attrezzi fai da te

Graffatrici manuali Powercurve Rapid

2
graffatrici manuali
 

Rapid lancia la tecnologia Powercurve, capace di ridurre lo sforzo necessario ad azionare le graffatrici manuali fino al 65%, grazie agli studi di una famosa fisioterapista che evidenzia quale sia la zona di forza massima espressa dalla mano

La graffatrice manuale è un utensile sempre più diffuso, utilizzato frequentemente e volentieri anche dalle molte donne che si avvicinano al bricolage. Tuttavia, se l’uso è intenso e ripetitivo, la fatica e lo sforzo della mano crescono e possono dare fastidi: studi fisiatrici eseguiti in collaborazione con Rapid hanno descritto la forza espressa dalla mano su un piano cartesiano, mediante una curva che risulta bassa a mano aperta, sale al massimo quando è a metà chiusura, torna bassa quando è quasi chiusa. Sulla base dei risultati, l’innovazione Rapid ha messo a punto un dispositivo che si adatta a questa curva di forza. La nuova tecnologia riduce del 65% lo sforzo necessario e adegua la richiesta della graffatrice all’offerta della mano, ovvero leggera nella parte iniziale, maggiore in quella centrale e di nuovo leggera in quella finale, tracciando così una curva sovrapponibile. La sensazione di sforzo necessario per sparare punti passa da “duro” per un’analoga graffatrice tradizionale a “molto facile” per le due innovative graffatrici Rapid. Rapid

La “curva di potenza” di Lotta Runeson

lotta runeson

Lotta Runeson è una fisioterapista svedese che ha condotto studi sulle sollecitazioni cui sono sottoposti i muscoli del braccio durante l’uso intensivo di una graffatrice manuale, traducendo in un grafico la curva dello sforzo richiesto dalla graffatrice e quella della massima disponibilità di forza dei muscoli che entrano in gioco.

 

Meno fatica calibrando la forza di sparo delle graffatrici manuali

graffatrice manuale

sparapunti

graffatrici rapid

La Powercurve technology viene utilizzata in due nuove graffatrici manuali Rapid: sono la ALU953 (1) e la ALU940 (foto di scena) destinate al mercato del bricolage a cui si avvicinano sempre più donne che trovano così la possibilità di usare questo utensile anche in modo continuativo senza rischi fisiatrici e affaticamento. Queste e anche altre graffatrici Rapid utilizzano inoltre il dispositivo “Energy Saving Stapling”, un meccanismo brevettato di regolazione della forza dello sparo che usa ingranaggi capaci di dare all’utilizzatore il perfetto controllo della giusta forza da utilizzare in ogni occasione di aggraffaggio. (3) La graffatrice R28-36 fissa cavi elettrici e telefonici all’esterno, magari sopra il battiscopa, con speciali graffe. (4-5) La R353 e la R33 all’opera per fissare rivestimenti di pelle o di tessuto su cuscini, sedie, poltrone. 6. La R34 fissa su listelli di legno un leggero pannello di materiale plastico o di compensato.

Vedi anche

2 Commenti

  1. […] 4 in altezza) utilizzando i listelli di ramin da 30×5 mm. Anche in questo caso ricorriamo alla graffatrice elettrica per fissare i listelli tra loro e alla struttura di supporto. Lungo i perimetri assicuriamo […]

     
  2. […] i lati corti a quelli lunghi (con chiodini sparati con la graffatrice manuale o affondati con un martello) per realizzare il profilo del telaio di sostegno. Usiamo anche la […]

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *