Attrezzi fai da te

Profilatrice Montolit per materiali lapidei | Modello TOProfile

0
 

La profilatrice Montolit TOProfile ha una fresa in dotazione per fare i jolly sulle piastrelle di grès porcellanato e altri materiali; montando altre frese si fanno smussi di tanti altri tipi

Oltre al taglio, la lavorazione più frequente da effettuare durante la posa di un rivestimento lapideo è la realizzazione dei jolly, uno smusso a 45° che si deve fare su uno o più bordi delle piastrelle per abbinarle in modo perfetto lungo gli spigoli.

La profilatrice Montolit TOProfile è uno strumento professionale, ma fa risparmiare tanto tempo e denaro a chiunque sia costretto ad acquistare numerosi pezzi speciali per completare la posa del rivestimento di un bagno, una cucina o, perché no, un’ampia superficie esterna con gradini e sporgenze, elementi architettonici che solitamente richiedono l’utilizzo dei pezzi jolly o altre lavorazioni di fresatura per ottenere un risultato estetico soddisfacente.

La macchina è una specie di smerigliatrice angolare fissata all’interno di un robusto scudo protettivo e di sostegno che contiene il sistema di guida sul bordo della piastrella.

Tutte le regolazioni sono già effettuate dalla casa madre e non è necessario modificare alcun parametro. L’unica cosa che si può fare è, a seconda delle esigenze, sostituire la fresa per montarne una che esegua un altro profilo, per esempio uno smusso tondo oppure un bisello. Montolit

TOProfile costa euro 636,00.

Frese per tutte le esigenze

La fresa in dotazione serve per effettuare jolly a 45° su piastrelle di spessore sino a 15 mm; per piastrelle molto sottili (sino a 6 mm) e delicate c’è la fresa opzionale FPE15TPGF. Per sagomare invece il bordo superiore delle piastrelle ci sono altre frese che possono fare smussi tondi da 3, 5 o 10 mm di raggio, oppure biselli a 45° di altezza 3 oppure 5 mm.

Profilatrice Montolit per utilizzo immediato

profilatrice Montolit TOProfile
Nella confezione la macchina è montata e regolata dalla casa madre; in dotazione c’è la borsa morbida per il trasporto e la chiave per sostituire la fresa diamantata.
teflon
Vista sotto, si rendono evidenti le due superfici d’appoggio e scivolamento in teflon, che permettono di trascinare la macchina sulle piastrelle senza rovinarle.
profilatrice Montolit TOProfile
Per il cambio della fresa va premuto il pulsante di blocco dell’albero, presente sulla testa della macchina…
svitare ghiera
…quindi si svita la ghiera con la chiave fornita in dotazione.
aspiratore
La profilatrice Montolit deve lavorare con l’aspirazione inserita; c’è un apposito attacco rapido per inserire e bloccare nella corretta posizione il tubo di un aspiratore da cantiere.
aspiratore
Se l’aspiratore ha la presa di corrente per gli elettroutensili, si approfitta di questa per collegare la profilatrice: in questo modo, alla messa in moto automaticamente si avvia anche l’aspiratore.
piastrelle
Le piastrelle vanno fissate su un piano di lavoro, mantenendo il bordo da lavorare sporgente dalla superficie. Il supporto deve essere stabile e fermo sulle gambe; in tal modo si porta con sicurezza e senza indugi la profilatrice dal bordo d’attacco, a sinistra, a quello di uscita a destra.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *