Attrezzi fai da te

Sega a gattuccio strike twincut 1440

1
Sega a gattuccio strike twincut 1440
 

La nuovissima sega a gattuccio strike twincut 1440 si avvale di un innovativo sistema di taglio a doppia lama: mentre una va avanti, l’altra scorre all’indietro in modo sincrono. Molti i vantaggi: grande bilanciamento della macchina durante l’uso, maggiore rapidità d’azione, possibilità di iniziare il taglio all’interno del pannello, nessuna vibrazione anche con i materiali sottili

A fronte di una nutrita serie di pregi e utilità, la sega elettrica a gattuccio, come l’abbiamo conosciuta sino a oggi, presenta alcuni elementi di criticità, noti a tutti quelli che l’abbiano utilizzata qualche volta. La Sega a gattuccio strike twincut 1440, ha voluto spazzarli via con un colpo si spugna (o due). L’idea è semplice: se una lama, nella sua azione nello spessore del legno, tende a ripercuotere un po’ di forza sull’impugnatura, mettendone due che si muovono avanti e indietro alternativamente, il problema automaticamente sparisce. Con questo spariscono anche quasi tutti gli altri problemi. Se per esempio con una sola lama è impossibile iniziare un taglio al centro di un pannello per realizzare una finestrella, con due si riesce perfettamente; con due lame è anche possibile tagliare sottili fogli di compensato da 3 mm, messi anche in verticale, senza tener fermo il bordo di attacco: le lame entrano senza sobbalzi permettendo un taglio netto e senza alcuna sbavatura. La Sega a gattuccio strike twincut 1440 ha anche prestazioni di grande levatura: il motore ha una potenza di assorbimento di 1400 W, il numero di movimenti delle lame va da 0 a 2400/min e ci sono 2 possibilità di scelta sull’entità di escursione: 20 oppure 30 mm. Il prezzo di listino della Sega a gattuccio strike twincut 1440 è euro 310,00 lame universali incluse. StellaBianca

taglio con sega a gattuggio

Sofisticati comandi

strike twincut 1440

Come cambiare la lama e la regolazione del piede

regolare lama sega a gattuccio twincut 1440

sega a gattuccio

  1. In testa al corpo macchina, di fianco alle lame, ci sono due led che in caso di necessità illuminano la zona di lavoro; sono alimentati da 3 batterie (incluse nella confezione), da inserire nell’apposita sede, chiusa con uno sportello fermato da una vite.
  2. Sopra il pulsante per accendere il led c’è l’importante regolazione dell’escursione delle lame, con possibilità di scelta fra 20 mm e 30 mm.
  3. Il pulsante d’accensione ha controllo elettronico per gestire la velocità del motore, in più c’è anche una rotella con cui si può imporre un regime massimo.
  4. L’impugnatura posteriore ha possibilità di essere sbloccata per ruotare rispetto al corpo macchina; così si ha sempre la migliore presa in tutte le posizioni di taglio.
  5. Nonostante ci siano due lame, la sostituzione è rapida; i due elementi attivi sono vincolati da un perno laterale e si inseriscono affiancati come se fossero uno solo, dopo aver sollevato la sicurezza rossa e ribaltato due levette di blocco (una per ogni lama) predisponendo la sede alla ricezione degli attacchi.
  6. Quando le lame sono completamente inserite nella loro sede, si chiudono le due levette di blocco. Provando a estrarle si verifica che siano tenute saldamente.
  7. Il piede d’appoggio non solo è inclinabile, ma ha la possibilità di essere regolato nella sua estensione, in modo da accorciare, in caso di necessità, lo sbalzo esterno delle lame; questo può servire, per esempio, per aumentare al massimo la loro rigidità rispetto a materiali da tagliare eccessivamente flessibili.

Guarda il video

Vedi anche

1 Commento

  1. […] collocati uno accanto all’altro e quindi tagliati con la sega a gattuccio nella parte superiore a creare un profilo mosso, non lineare. La parte idrica è costituita da un […]

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *