Costruzioni fai da te

Portafiori fai da te a tronco di piramide

0
portafiori fai da te
 

Realizziamo un portafiori fai da te dalla struttura in legno di abete a quattro ripiani, ottimo per piante con modesto sviluppo aereo ma può servire anche per altri usi

Ci sono piante da appartamento che hanno uno sviluppo aereo contenuto e vanno poste su rialzi piuttosto che a terra; non è opportuno collocarle sui mobili perché i vasi potrebbero lasciare segni indelebili per via dell’umidità del terreno e, se si tratta di più piante, serve una struttura adeguata a ospitarle. Realizziamo un portafiori fai da te in grado di radunare più piante in uno spazio ristretto grazie ai 4 ripiani sovrapposti di dimensioni decrescenti.

Bisogna quanto meno elaborare un disegno per determinare l’altezza e contenere gli ingombri, oltre che per verificare che l’interasse e la dimensione dei ripiani risultino conformi alle esigenze. La distanza tra i ripiani permette a tutte le piante uno sviluppo aereo conforme alle loro dimensioni, di curarle senza doverle togliere e di disporre di un’illuminazione ottimale.

Due montanti uniti dai quattro piani

Tempo richiesto: 4 ore.

  1. Ricavare i pezzi necessari

    Tutti i pezzi necessari a comporre la struttura portafiori fai da te si ricavano da legno di abete spesso 25 mm. I montanti hanno sezione di 45×24 mm e sono lunghi 1500 mm.

  2. Arrotondare gli spigoli dei montanti

    Dopo il taglio, sia i montanti sia i vari traversi che costituiscono l’appoggio per i ripiani, vanno fresati per arrotondare gli spigoli.

  3. Tagliare i traversi

    Affinché la struttura del portafiori fai da te sia stabile e contenuta nell’ingombro si parte con un ripiano di base con lato 500 mm e si termina con uno avente 170 mm di lato. Tagliati i relativi traversi, ai quali è necessario bisellare le estremità a 13°, si uniscono in bianco ai montanti per rilevare altezza e lunghezza dei traversi intermedi.

  4. Utilizzare la spinatura

    Quando tutti i traversi sono pronti si preparano le sedi per unire i pezzi con spinatura cieca.

  5. Montare i due fianchi

    Si procede al montaggio dei due fianchi, spalmando colla vinilica sulle spine e sulle parti a contatto e bloccando la struttura con strettoi.

  6. Collegare i due fianchi

    Collegati i due fianchi tramite i restanti traversi, si preparano i ripiani. Agli angoli si realizzano gli scassi affinché si incastrino tra i montanti.

  7. Incollare i ripiani sui traversi

    I ripiani si incollano sui traversi e si bloccano con morsetti, interponendo listelli di scarto per non ammaccare il legno.

  8. Stuccare le giunzioni

    Terminato l’assemblaggio si stuccano le giunzioni e si carteggia per pareggiare le superfici. Per la finitura viene scelto uno smalto all’acqua di colore bianco crema.

Progetto di Mario Casagrande

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *