Fai da te costruzioni
Home / Fai da te / Costruzioni fai da te / Strumenti musicali / Costruire casse acustiche fai da te in legno MDF

Costruire casse acustiche fai da te in legno MDF

 

Questi diffusori fai da te sono molto belli e piuttosto semplici da costruire

Costruire casse acustiche fai da te è un’attività interessante perché permette di cimentarsi nella lavorazione del legno sia nella progettazione della circuiteria elettrica che alimenta la cassa audio.

Cosa serve per costruire casse fai da te acustiche artigianali

progetti casse acustiche

costruire hi fi

  • Pannello MDF spessore 19 mm: 2 frontali bassi 182×680 mm, 2 frontali parte alta 182×330 mm, 4 fianchi 300×1000 mm, 2 dorsi 182×1000 mm, 2 fondi 180×260 mm, 2 riquadri cavi fissaggio fondo 182×260 mm larghi 30 mm, 2 tetti 182×201 mm, 2 rinforzi interni centrali 100×262 mm, 4 rinforzi interni trasversali 100×182 mm
  • colla vinilica;
  • 20 viti 30×3,5 mm
  • fondo e smalto spray effetto granito

Quali componenti elettroacustici utilizzare per costruire casse acustiche

I componenti a marchio Visaton (www.visaton.de) per capire come costruire un subwoofer  sono:

  • woofer AL 170 con cono in alluminio da 170 mm, potenza nominale di 70 W, potenza massima 100 W, impedenza altoparlante 8 Ohm;
  • tweeter G25 FFL a cupola da 25 mm, impedenza 8 Ohm, risposta in frequenza 1000-30000 Hz;
  • crossover passivo HW 2/70 NG con impedenza da 8 Ohm, frequenza di taglio di 3000 Hz e filtro di 12dB/ottava;
  • tubo di accordo reflex BR 25.50;
  • flangia con terminali di connessione ST 77
  • Visaton fornisce anche la lana di poliestere per la coibentazione in confezioni da due fogli (125 g), il cavo elettrico (2×1,5 mm, lungo 2 m) e le viti per l’assemblaggio (40 da 19×3,5 mm), materiale facilmente reperibile anche nei negozi specializzati.

Come disporre gli altoparlanti per costruire casse acustiche

In una cassa acustica tutti i componenti partecipano alla realizzazione del suono, anche il contenitore. Quello che all’occhio di un profano potrebbe sembrare soltanto un modo come un altro per tenere insieme i singoli trasduttori (altoparlanti), con funzioni prettamente estetiche, è invece primariamente il frutto di un approfondito studio di ingegneria acustica e audiocostruzione

Lo scopo è quello di esaltare al massimo le qualità di ogni singolo componente attivo ed ottenere, nell’insieme, né più e né meno una sorta di accordatura fra risonanze ed emissione del suono, assimilabile a quella che distingue un violino di pregio da uno scadente.

Per questo motivo in questo servizio realizziamo un progetto di cassa acustica dalla comprovata efficacia e lo dotiamo di una serie di componenti “attivi” della Visaton, marchio con un trascorso consolidato nella produzione di altoparlanti assemblati, in kit, nonché di vendita dei singoli componenti.

Costruire hi fi

Per capire come costruire una cassa acustica occorre seguire strettamente i disegni riportati. In tutti i tipi di cassa acustica giocano favorevolmente determinati parametri interni ma, nella realizzazione di una “bass reflex”, tipo di cabinet nel quale l’aria mossa dal woofer entra ed esce liberamente tramite un tubo di accordo che segue un percorso stabilito, le misure e le disposizioni interne diventano fondamentali.

Anche il legno usato per costruire casse acustiche, l’MDF, ed il suo spessore rappresentano il miglior compromesso fra resa acustica, costo e facilità di lavorazione. I tagli devono essere precisi in modo che i margini coincidano e non resti la benché minima fessura; in caso di imprecisioni in tal senso è necessario provvedere con una stuccatura della giunzione.

Contenitore irrigidito con tre traverse di rinforzo

Dopo aver squadrato a misura i singoli pannelli realizziamo con il seghetto alternativo le sedi rotonde per gli altoparlanti, per il tubo di accordo reflex, per il supporto dei morsetti e per la cornice rettangolare di supporto e fissaggio del fondo; facciamo dei fori con una mecchia per introdurvi la lama dell’alternativo ed iniziare il taglio agevolmente.
il fissaggio dei pannelli avviene con colla vinilica e chiodi; usiamo i chiodi anche per mantenere in posizione i pezzi interni durante i vari passaggi dell’assemblaggio. Una volta chiusa la cassa e messi in trazione gli strettoi possiamo inchiodare i pannelli.

Realizzare lo smusso

Soltanto sulla parte alta degli spigoli frontali realizziamo a scopo puramente estetico due smussature piane a 45°. Su questo profilo i chiodi non vanno messi. Usiamo una pialla a mano, facendo tanti passaggi leggeri, rimuovendo poco materiale per volta.

Lo sportello inferiore rimovibile

Per l’assemblaggio delle parti elettriche e la coibentazione, ma anche per eventuali operazioni di manutenzione, è indispensabile che il fondo della cassa sia rimovibile; pertanto lo fissiamo con viti da 3×35 mm alla cornice su cui fa battuta il fondo stesso.

Come assemblare i componenti elettrici

La finitura

La finitura esterna non interferisce con il suono quindi ognuno può fare come crede. Noi abbiamo optato per una verniciatura con bomboletta spray effetto granito che, oltre ad evitarci di impiallacciare l’MDF, copre bene eventuali imperfezioni, comprese le stuccature e le teste dei chiodi.

 

Costruire casse acustiche fai da te in legno MDF ultima modifica: 2017-11-23T14:11:10+00:00 da Redazione Bricoportale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *