Dalla redazione

La politica che vorremmo

0
 

Torniamo alla concretezza del saper fare con le proprie mani

Quest’anno Almanacco Far da Sé arriva nelle case degli abbonati e nelle edicole nei giorni in cui si svolgono le elezioni politiche (o poco prima o poco dopo). Avremo ascoltato fiumi di parole, mari di promesse, oceani di recriminazioni e scaricabarile. Ma siamo pronti a scommettere che in questo assordante teatrino nessuno avrà avuto il coraggio di dire poche parole chiare per impegnarsi per una scuola seria, anche faticosa, in cui i giovani imparino a diventare cittadini autentici con un vero mestiere tra le mani.

“Chi ha un livello di istruzione più alto ha più consapevolezza della realtà che lo circonda e può confrontarsi meglio con gli altri… Studiare a lungo, specie all’interno di percorsi scolastici di qualità, è il modo più efficace per trovare lavoro… Un aumento del livello educativo della popolazione fa salire la competitività del Paese… Ogni anno di istruzione in più equivale a un aumento della retribuzione futura di circa il 9 per cento, è uno dei migliori investimenti che si possono fare… Pensiamo sia importante puntare sulle materie scientifiche e tecnologiche, su cui l’Italia evidenzia un ritardo rispetto agli altri Paesi”. Abbiamo ripreso alcune frasi di un’intervista a John Elkann, presidente della Fiat e vicepresidente della Fondazione Agnelli, rilasciata a Panorama, per dire che queste idee devono diventare sempre più condivise, che su questi concetti si imposta il rinnovamento del nostro Paese.

Non sappiamo quale classe politica si sceglieranno gli Italiani in questa tornata elettorale, ma ci auguriamo che ci sia qualche “onorevole” capace di porre al centro della sua azione il grande “onore” che sta in due mani che lavorano, che progettano, che costruiscono, che riparano, fino a comprendere che questo onore si insegna nella scuola a cominciare dall’asilo. Basta davvero con l’esaltazione delle chiacchiere, del virtuale, dell’apparire: torniamo alla concretezza del saper fare con le proprie mani, puntiamo ad una formazione integrale dei nostri giovani per renderli più attrezzati ad affrontare il mondo del lavoro.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *