Provati per voi

Fini Siltek S/6 | Un compressore veramente silenzioso

0
 

Piccolo e leggero risulta facilmente trasportabile anche per la grossa maniglia sulla scocca. Il Fini Siltek S/6 ha un serbatoio da sei litri e la regolazione del pressostato che lo rendono uno strumento molto versatile. La bassissima emissione sonora è la sua arma vincente

Il compressore di queste pagine rientra nel campo di utilizzo sia casalingo sia professionale, essendo un elettroutensile innovativo che si distingue per avere un gruppo pompante oilless (senza olio) la cui peculiarità è di avere bassissime emissioni acustiche. Questo significa, da un lato, assenza di manutenzione, dall’altro, possibilità di utilizzo a distanza ravvicinata, senza cuffie di protezione, a qualsiasi ora del giorno o della notte. Completano il quadro le dimensioni e il peso, ridotti al minimo, in modo da poter portare facilmente il compressore ovunque, grazie anche alla maniglia posizionata in modo che lo strumento sia ben bilanciato per il trasporto. Il Fini Siltek S/6 si fa apprezzare nella piscina di casa per i gonfiabili, in cortile per gonfiare le gomme dell’auto, in giardino per verniciare a spruzzo una ringhiera, in mansarda per inchiodare le tavole del nuovo rivestimento, in laboratorio per gli utensili ad aria, in casa per colorare i modelli ad aerografo.

Concorre al raggiungimento di tanta versatilità la potenza del gruppo pompante che, con 1 HP di potenza (0,75 kW), assicura una portata d’aria di 105 litri al minuto, una pressione massima di 8 bar. Inoltre, in uscita c’è il regolatore di pressione che permette di calibrare in modo ideale il flusso per le varie necessità: massimo per gonfiare, a pressioni minori per graffatrici, sparachiodi e aerografo. Per questo è presente una grossa manopola in posizione frontale, fra i due manometri.

Siltek S/6: leggero da portare e versatile

Il compressore non è soltanto comodo da trasportare dove serve, in cortile, in casa, in laboratorio, è anche capace di rendere più gradevole il lavoro per il bassissimo rumore che emette quando è in funzione, ridotto a un semplice brusio. Prezzo consigliato al pubblico euro 169,50.

La grande maniglia posta superiormente alla scocca permette di bilanciare il peso della macchina, agevolandone il trasporto con una sola mano.
All’acquisto il Fini Siltek S/6 è interamente montato; sono da applicare solo un paio di elementi, inclusi nella confezione, da montare alla prima messa in funzione: sono il filtro dell’aria aspirata e l’attacco rapido all’uscita dell’aria compressa.

Operazioni per il primo utilizzo

  • Rimuovere il tappo che protegge il foro

    Per montare il filtro dell’aria si rimuove il tappo rosso che protegge il foro filettato. La posizione è sul retro della macchina.

  • Avvitare il filtro

    Il filtro è in materiale plastico; si avvita al foro senza necessità di guarnizioni o nastro di teflon. Va stretto a mano, non c’è bisogno di alcun utensile.

  • Posizionare il pezzo di tubo in dotazione

    Sul filtro c’è un foro laterale per l’inserimento di un pezzo di tubo che è incluso nella confezione. Lo si mette a pressione nella sua sede, poi si ruota il filtro avvitandolo di mezzo giro, per far rimanere il tubetto rivolto in basso.

  • Utilizzare la valvola per spurgare l’umidità

    Sotto il serbatoio è situata la valvola per spurgare l’umidità che si raccoglie durante il funzionamento; l’operazione è da fare con una frequenza proporzionale all’utilizzo del compressore: basta aprire il rubinetto, far uscire l’acqua e richiuderlo.

  • Un compressore davvero silenzioso

    A buon titolo, sul serbatoio del compressore campeggia la grafica che segnala 59 dB(A) di rumore emesso: è un rumore inferiore a quello che fanno due persone che parlano tra loro.

  • Avvitare l’attacco rapido per la tenuta dell’aria

    Sul filetto dell’attacco rapido è già presente il quantitativo giusto di nastro al teflon necessario per la tenuta dell’aria. Per avvitarlo si usa una chiave a forchetta da 19 mm. Va bene stringere, ma non si deve esagerare e, soprattutto, dopo avere stretto, non bisogna mai tornare indietro, svitando seppure di pochissimo il raccordo (questo lo richiede il teflon).

  • Innestare il tubo dell’aria

    Messo l’attacco rapido, il compressore è pronto per funzionare. Basta innestare il tubo dell’aria nell’attacco e inserire all’altro capo l’utensile ad aria che serve per il lavoro da effettuare.

  • Regolare la pressione a seconda dell’utilizzo

    Montando un utensile che richiede una specifica pressione, per esempio la graffatrice ad aria, prima di usarla si regola la pressione in uscita ruotando la manopola del regolatore (di pressione): il manometro di destra indica subito il valore che si sta impostando.

  • Possibilità di inserire utensili

    Inserendo un utensile, in questo caso una pistola di soffiaggio, l’aria è subito disponibile e il compressore si carica velocemente; sui due manometri si può controllare la pressione del serbatoio (manometro di sinistra) e quella all’utensile (manometro di destra).

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *