Provati per voi

Tenaglie speciali per grès porcellanato

0
 

Strumenti professionali indispensabili se si affronta la posa di rivestimenti a parete e a pavimento in cui si debbano sagomare le piastrelle per aggirare ostacoli; ottime anche nella posa con mosaico, per tagliare le singole tessere

Durante la posa di rivestimenti, sono ancora molti i momenti in cui si deve lavorare manualmente per aggirare ostacoli dalla forma irregolare, soprattutto se si ha a che fare con piastrelle di piccole dimensioni o di mosaici. In questi frangenti, sono ideali le tenaglie da piastrellista Montolit i cui taglienti sono costituiti da due speciali rotelle in carburo di tungsteno con rivestimento in nitruro di titanio. Le tenaglie sono realizzate in acciaio legato al carbonio e forgiate con le più moderne tecnologie, in grado di coniugare finitura e precisione operativa. Garantiscono ottimi risultati sulle ceramiche più dure e con spessori sino a 15 mm; allo stesso tempo l’estrema precisione di taglio permette anche di affrontare con disinvoltura lavorazioni accurate di finitura su materiali particolarmente delicati, quali tesserine di mosaico o piastrelle in vetro. L’ottimo bilanciamento, l’impugnatura rivestita in gomma morbida e la molla progressiva per il ritorno, offrono comfort e ottimo controllo nell’utilizzo.

Nessun problema nel sagomare il bordo delle più spesse e robuste piastrelle in grès porcellanato, per ricavare lo spazio necessario per aggirare cassette elettriche o tubazioni di impianti: sono indicate le tenaglie con taglienti a 90°.
Per la posa di mosaico, anche se su rete, è necessario tagliare alcune tessere per pareggiarle lungo i bordi, i gradini e gli spigoli. In questo caso si usano le tenaglie con i taglienti in posizione longitudinale.

Modello classico e a cesoia

Due tipi di tenaglie Montolit per piastrelle: quelle con testa e taglienti a 90° per uso comune su piastrelle di grès porcellanato anche durissimo (a sinistra nella foto di scena) e il modello specifico per mosaico vetroso e ceramico (a destra nella foto di scena). Quest’ultimo utensile risulta estremamente utile per l’esecuzione di mosaico classico e artistico, piccoli lavori di finitura angoli, realizzazione di forme speciali, spacco della piastrella in piccole parti.

Nel modello classico (art. 33W), una delle due rotelle può ruotare sul proprio asse: grazie anche a uno speciale appoggio per il pollice, questo permette di esercitare la giusta pressione per segnare prima del taglio la superficie ceramica proprio come avviene con la tagliapiastrelle Masterpiuma.
I due bumper di fine corsa evitano traumi alla mano “allo spezzare” del materiale.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *