Ventosa 300-76 di Montolit | Super “vuoto” per sollevare in sicurezza le grandi piastrelle

 

La ventosa 300-76 di Montolit è lo strumento ideale per sollevare le piastrelle, ma con le grandi lastre che si usano oggi, caratterizzate spesso da superfici materiche, deve essere affidabile nella tenuta del vuoto per evitare l’improvvisa perdita di aderenza

Il sollevamento e anche il posizionamento di piastrelle di ampie dimensioni e di grandi lastre è una manovra sempre critica, perché questi pezzi sono molto costosi, anche unitariamente. Inoltre, le superfici materiche (non lucide e spesso nemmeno lisce) sono sempre più apprezzate per la resa estetica, ma questo non agevola certamente la perfetta adesione delle ventose di sollevamento. Questi strumenti funzionano creando il vuoto fra la base d’appoggio e la superficie della piastrella, cosa che accade se lungo il bordo esterno della ventosa si instaura una sufficiente tenuta all’aria. Per questo, più la superficie è rugosa e meno probabilità ci sono di potersi affidare alle comuni ventose. In questi casi è necessario utilizzare prodotti altamente performanti come la ventosa 300-76 di Montolit, che vanta un dato di sollevamento sino a 150 kg di peso, con tre caratteristiche determinanti per lavorare in totale sicurezza: le dimensioni della ventosa, che misura 200 mm di diametro; le proprietà della gomma di contatto, che ha particolari capacità di adattarsi alle minime creste e avvallamenti della superficie della piastrella; infine, l’indicazione della depressione attuata dalla ventosa mediante lo stantuffo. Indicando il valore di depressione, il vuotometro mostra in tempo reale se c’è tenuta costante e quindi permette di manovrare la piastrella o la lastra con tutta tranquillità, anche con le superfici “difficili”.

La ventosa per piastrelle di grande formato è fornita in una borsa morbida protettiva nella quale è consigliata la custodia e il trasporto, per evitare i possibili danneggiamenti della superficie di adesione. Il prezzo consigliato per il pubblico è di euro 218,00.
La ventosa ha un suo coperchio di protezione che la salvaguarda dalle facili abrasioni che possono incorrere negli ambienti di posa, necessariamente poco puliti, essendo cantieri.
L’attivazione della ventosa avviene facendo il vuoto con la pompa inserita nell’impugnatura: si aziona premendo con un dito lo stantuffo, mentre il vuotometro indica la depressione esercitata.
Quando si decide di rilasciare la piastrella, l’azione avviene in modo immediato nel momento in cui si preme, sull’altro lato dell’impugnatura, il pulsante rosso di sblocco.
Le dimensioni della base d’appoggio e la conformazione della ventosa offrono le massime performance per la tenuta su superfici critiche, anche merito del materiale utilizzato per la gomma.

Col vuotometro si sta sereni

Lo speciale manometro presente sulla ventosa è collegato direttamente con l’ambiente che si crea sotto la superficie d’appoggio e lavora al contrario: invece di indicare una pressione, indica una depressione. I valori migliori sono quelli a sinistra; ovvero, in situazione di pressione ambiente, l’ago sta a fondo scala a destra. Man mano che si crea depressione, l’ago si sposta in senso antiorario e, per il sollevamento, va portato più a sinistra possibile. Inoltre, bisogna controllare che la lancetta sia stabile: sin che rimane nella zona bianca della scala, tutto ok.

Articoli simili

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tutorial Fai da te

Le guide di Almanacco

No, ma dove si trova? 😃

Hai già guardato l'ultimo numero di FAI DA TE?

È GRATIS! 😱 Vai su: FAIDATE FACILE