Muratura

Cassaforte a muro, come si installa

0
 

Anche in una casa protetta da sistemi antintrusione la prudenza non è mai troppa ed una cassaforte a muro rappresenta un ostacolo non da poco per i malintenzionati, specialmente se è incassata e vincolata in modo efficace in una parete. Si può installare una cassaforte a muro in qualsiasi momento, ma in fase di costruzione o ristrutturazione l’operazione può essere effettuata senza disagi e con le maggiori garanzie antieffrazione possibili.

La prima cosa da verificare è lo spessore della muratura. Una cassaforte a muro profonda 20 cm richiede una sede profonda almeno 30 cm e, possibilmente non va installata a piano terra, in modo che attaccarla da dietro (dall’esterno) sia difficoltoso; oppure ci dev’essere un’intercapedine tra muro interno e muro esterno. Come capienza, è meglio eccedere rispetto alla reale necessità: se al momento si tratta di custodire solo monili preziosi, in futuro ci potrebbero essere altri oggetti o documenti da riporre al sicuro. 

Anche la scelta del tipo di chiusura non va sottovalutata: se è a chiave, bisogna che questa sia custodita in un posto sicuro e la copia va affidata ad una persona di cui ci si fida ciecamente, meglio se al di fuori dell’abitazione. Se è del tipo a combinazione, evitare codici riconducibili a date di nascita, ricorrenze o sequenze scontate (12345, 00000 e così via); cambiare periodicamente il codice d’accesso per maggior sicurezza ed evitare di trascriverlo.

La cassaforte dev’essere certificata: la targhetta che fa riferimento alla normativa (UNI EN 14450 per quelle domestiche o “leggere”) assicura che la resistenza allo scasso è stata testata ed il prodotto possiede le caratteristiche richieste. Non tutte le ferramenta trattano prodotti di questo tipo. Per le casseforti più “pesanti” la norma di riferimento è la UNI EN 1143-1.

Chi stipula una polizza assicurativa contro furti e rapine deve fare attenzione alle condizioni riportate per l’indennizzo: la presenza di una cassaforte a muro può agevolare nel calcolo del premio assicurativo, ma deve possedere requisiti specifici in assenza dei quali, in caso di effrazione, si può anche non essere risarciti. 

INSTALLARE UNA CASSAFORTE INCASSATA E INESPUGNABILE

L’apertura da realizzare nel muro per installare una cassaforte dev’essere più profonda della cassaforte di almeno 5 cm; larghezza ed altezza del vano devono essere tali da lasciare 10-15 cm di spazio su ogni lato della cassaforte.
Bisogna preparare quindi una struttura di ferro interna, al centro della quale collocare la cassaforte: la struttura va ancorata ad eventuali pilastri o fissata con ganci e tondini all’interno della muratura.
Se si sta realizzando un impianto di sicurezza, è bene avvolgere intorno alla struttura ed alla cassaforte a muro un cavo collegato alla linea antisabotaggio che faccia scattare l’allarme in caso di effrazione.
Si posiziona la cassaforte, proteggendo lo sportello da eventuali danneggiamenti in fase di muratura, e la si blocca alla struttura metallica con alcuni punti di saldatura, mantenendola in bolla ed a filo della parete; si può effettuare il riempimento con materiale cementizio e ripristinare l’intonacatura, lasciando aperto lo sportello per almeno 48 ore. Molti dei lavori da eseguire sono alla portata di un buon fai da te, ma per certe tecniche è bene rivolgersi ad un professionista.

 

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Muratura