Dalla redazione

SMARTPHONE ma niente wc

0
 

Tratto da “Rifare Casa n.60 – Novembre/Dicembre 2018″

Autore: Nicla de Carolis

In questi giorni nelle sale cinematografiche esce il film “MY DEAR PRIME MINISTER”, una produzione indiana che porta alla ribalta un problema per noi occidentali incredibile: la mancanza di servizi igienici. Kannu è un bambino che vive con la madre in una baraccopoli dell’India dove mancano i servizi igienici. Così le donne sono costrette a uscire di notte e a vagare nell’oscurità per evacuare e spesso vengono violentate, come succede alla madre di Kannu che nel film fa di tutto per riuscire ad avere un gabinetto in casa. Secondo il rapporto dell’Unicef, in India circa 564 milioni di persone, quasi metà degli abitanti del subcontinente, sono costrette a espletare i loro bisogni all’aperto nonostante, nell’ambito di un piano sanitario voluto dal governo e partito nel 2014, siano stati costruiti circa 62mila gabinetti al giorno negli ultimi quattro anni. è inspiegabile come, in un Paese dove tutti dispongono di televisioni satellitari, frigoriferi, internet e smartphone, manchi una cosa essenziale, necessaria, oltre che a ridurre la violenza sulle donne, anche a eliminare la diffusione di colera, diarrea, dissenteria ed epatite. In sintesi, 1,5 miliardi di persone al mondo hanno la possibilità di telefonare, ma non hanno accesso all’acqua potabile né ai servizi nelle proprie case, se di case si può parlare, e 2,5 miliardi di persone complessivamente non hanno accesso ai fondamentali servizi igienici. Una grande contraddizione, se si pensa che l’importanza della rete fognaria era già stata compresa dagli antichi Romani, che nel VI secolo a.C. costruirono la Cloaca Maxima intuendo con lungimiranza la rilevanza della cultura dell’acqua. Turbati e addolorati per questo ulteriore grave disagio che vivono miliardi di persone nel mondo, constatiamo la nostra situazione molto diversa; partendo dalla cultura dell’acqua tramandataci dai nostri illustri antenati, escludendo alcuni periodi oscurantisti in cui il valore dell’igiene e gli spazi ad essa dedicati furono trascurati, oggi il bagno è la stanza più ambita e ristrutturata della casa. Il mercato offre una quantità di pavimenti e rivestimenti originali e bellissimi, capaci di soddisfare qualsiasi stile e gusto. I sanitari sono proposti in forme, colori e funzionalità irresistibili, tali da rendere questo ambiente un angolo privato di relax e benessere. Su questo numero troverete tanti spunti con le ultime novità per un bagno all’insegna della tecnologia e della bellezza.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *