Sistemi di sciacquo

Come realizzare un bagno di servizio in muratura e adeguare il sistema di sciaquo

0
bagno di servizio in muratura
 

Un corpo aggiunto sul retro di una casa di campagna, utilizzato per diversi anni come riparo per attrezzature da lavoro e accessibile solo dall’esterno, è stato messo in comunicazione con i locali a pianterreno aprendo una porta nell’ex muro perimetrale e, dopo aver completato la parte muraria, con adeguato isolamento termico, è stato trasformato in un bagno di servizio muratura ampio e confortevole

futuro bagnoUn ampliamento è consentito dalle legge, in linea di massima, quando si tratti di un adeguamento igienico-sanitario, come un bagno di servizio in muratura, meglio se in un contesto di interventi migliorativi dal punto di vista energetico: è proprio questo il caso, anche perché i volumi erano già abbastanza definiti per poter essere annessi all’abitazione. La situazione di partenza evidenzia uno spazio che era chiuso con un semplice portone di legno e riceveva luce da una finestra con telaio in ferro, appena sufficiente per mettere al riparo gli attrezzi dalla pioggia e dalle intemperie. Il primo è stato chiuso completamente, mentre la luce della finestra è stata ridimensionata per installare un serramento più idoneo. Esternamente, la muratura è stata rivestita a cappotto, mentre la copertura piana è stata trasformata in una falda ricoperta di laterizio, opportunamente impermeabilizzata e isolata. Per isolare meglio dal terreno il nuovo pavimento del bagno di servizio, è stato necessario realizzare un massetto, indispensabile anche per includere i nuovi impianti idraulici per i sanitari e per il riscaldamento: questo ha comportato un rialzo del piano di calpestio, in origine pressoché allineato a quello interno, per cui il passaggio dagli ambienti domestici al bagno di servizio, attraverso una nuova porta interna, avviene salendo uno scalino, anche se di alzata ridotta. Ma, come si vede dal risultato finale, ne è valsa sicuramente la pena.

SCOPRI I SISTEMI DI SCIACQUO GROHE

Impianti nuovi per il bagno di servizio in muratura

impianto idraulico bagno

  1. Dopo il completamento della muratura e l’apertura del nuovo accesso dall’interno si procede con la stesura degli impianti che corrono a pavimento e risalgono la parete in corrispondenza degli utilizzi nelle scanalature aperte nei laterizi, successivamente richiuse con malta. I tubi bianchi sono quelli multistrato per la mandata idraulica dell’acqua calda e fredda, facili da modellare per seguire il percorso più consono; quelli blu sono relativi al riscaldamento per lo scaldasalviette.
  2. Per WC e bidet sono stati utilizzati telai registrabili che appoggiano sul massetto e si fissano alla muratura, scanalati in modo da poter ospitare i supporti per i sanitari, anche questi registrabili. I due scarichi comunicano, attraverso il foro che si vede alla base del muro, con la tubazione di collegamento alla fossa biologica, annegata in uno scavo.
  3. Nella muratura viene anche inclusa la cassetta di risciacquo, con sistema anticondensa e rivestita con rete portaintonaco. Si nota la “protezione cantiere” montata sui comandi per evitare l’ingresso di sporco durante le fasi di finitura dei muri, da rimuovere solo dopo aver piastrellato per montare la placca di comando.
  4. Si nota anche una scanalatura nell’ex muro perimetrale che racchiude la derivazione dell’impianto elettrico per alimentare una fonte d’illuminazione.
  5. Il lavabo è separato dalla vasca da una semiparete di laterizi che, oltre a consentire l’installazione di un portasciugamani, forma un ripiano utilizzabile come mensola.
  6. Gli spigoli vanno rivestiti con profili annegati nella colla delle piastrelle. Il bagno di servizio in muratura è ora completato!

nuovo bagno con vasca

bagno di servizio, bagno in muratura, costruire un bagno, bagno nuovo,

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *