Attrezzi fai da te

Cassetta porta attrezzi | Contenuto e tipologie

0
cassetta porta attrezzi
 

La cassetta porta attrezzi è un apposito contenitore che consente di avere gli utensili per il fai da te in ordine e a portata di mano

Per poter effettuare riparazioni domestiche o lavori di bricolage dobbiamo disporre di una buona dotazione di attrezzi, minuterie e prodotti. Difficile è mantenerli in ordine, specialmente se ci troviamo a effettuare un intervento fuori dalle mura domestiche, per questo occorre una cassetta porta attrezzi adeguata alla conservazione e allo spostamento. 

cassetta porta attrezzi

Limitarci ad avere una cassetta portautensili capiente, ma sprovvista di scomparti che permettono di suddividere gli attrezzi per tipologia, ci fa perdere tempo nella ricerca dell’occorrente. Rimescolando il contenuto c’è il rischio che le scatolette delle viti si aprano, che utensili delicati come le lame si deformino, per non parlare di quello che può accadere se ci sono prodotti liquidi.

Scelta della cassetta porta attrezzi

Orientiamo la nostra scelta su cassette porta attrezzi che ci permettano non solo di trasportare i nostri attrezzi, ma di riporli con ordine.


Valutiamo se i lavori che svolgiamo abitualmente sono in genere vicini al nostro laboratorio o se è necessario attrezzarci con contenitori di agevole trasporto per interventi a maggiore distanza.

Per i lavori più pesanti come muratura, idraulica, ecc. procuriamoci contenitori in grado di resistere agli urti, all’acqua e facilmente pulibili.

Contenuto

Nella nostra cassetta porta attrezzi non facciamoci mancare una ricca dotazione di cacciaviti a taglio diritto e a croce; una sola impugnatura e una serie di bit occupano poco spazio e risolvono molte situazioni. Portiamo sempre con noi il cercafase, una lima e le chiavi a brugola.
Lo scomparto che raggruppa i principali utensili da azionare per “stretta di mano” deve contenere pinze con ganasce corte e lunghe, tronchesino, forbice, pinza per anelli Seeger con testa intercambiabile, una pinza pappagallo, tenaglie e pinza spellafili.
Le bussole esagonali azionabili tramite cricchetto, snodi e prolunghe sono difficili da trovare in una cassetta porta attrezzi se non dispongono di una propria sede. Teniamo separati martello e seghetto, per evitare di rovinare la lama.
Una torcia a batteria e un cutter hanno vita breve se conservati alla rinfusa insieme alle chiavi a forchetta: figuriamoci cosa può succedere al calibro, strumento essenziale e di altissima precisione, se non avesse una sua collocazione protetta all’interno delle cassette portautensili.

Tipologie di cassette per attrezzi

cassetta porta attrezzi
La classica cassetta porta attrezzi è di metallo verniciato, con un ampio vano centrale e cassetti a fisarmonica. È robusta e durevole, ma anche abbastanza pesante e non agevola l’ordine.
Ecco invece una pratica valigetta termoformata che contiene in modo ordinato e stabile una buona varietà di utensili; se viene a mancare anche un solo pezzo, lo spazio vuoto ci avverte che non stiamo partendo con una dotazione completa.
Queste tipologie di “cassetta porta attrezzi” sono particolarmente indicate per coloro che svolgono lavori in cui vi è l’esigenza di cambiare spesso utensile, in quanto posizionati in tasche in cordura che permettono un’immediata individuazione dell’attrezzo. Da scegliere se lavoriamo frequentemente e con più utensili contemporaneamente.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *