Macchine

Drift Trike fai da te | Costruzione illustrata passo-passo

0
drift trike
 

Un mezzo a tre ruote senza pedali per lanciarsi in discesa e divertirsi con spettacolari evoluzioni quali controsterzi, derapate allungate e piroette complesse

Uno stravagante sport di recente nascita procura un notevole divertimento, unito a tanta adrenalina; i Drift Trike sono generalmente privi di qualsiasi sistema di propulsione fatta eccezione della sola forza di gravità. I praticanti di questo sport si lanciano su tortuose strade in discesa, che costringono a una condotta di guida alquanto spettacolare, che richiede continue evoluzioni in controsterzo provocando lunghe derapate grazie alle ruote posteriori piuttosto scivolose (le gomme delle ruote posteriori, solitamente di derivazione kart, vengono ricoperte con tubi in polietilene per tutta la larghezza del battistrada).

Il Trike, secondo le associazioni di categoria che di recente disciplinano tale sport, deve disporre di tre ruote di cui una anteriore sterzante e due posteriori indipendenti sullo stesso asse, un sellino, un manubrio e un impianto frenante. La sua costruzione è di libera progettazione e la scelta del materiale, generalmente tutto di recupero, rimane a discrezione del costruttore, purché in acciaio. L’assemblaggio deve rientrare in alcuni limiti dimensionali e tener conto della posizione di guida del pilota che deve avere i piedi in appoggio all’asse anteriore in modo che siano sempre più avanti della testa e che deve necessariamente indossare il casco.

I pezzi per realizzare un Drift Trike (configurazione base)

Per cimentarsi nella sua costruzione, ci si procura:

  • Una vecchia bici BMX da 20” da cui si smonta e recupera tutto l’avantreno, la forcella anteriore, completa di ruota e poggiapiedi, e il manubrio con un freno
  • Due vecchie ruote anteriori da go-kart
  • Uno spezzone di tubo in acciaio nero Ø 1/2”
  • Due piastre in ferro piatto 100x100x5 mm da utilizzare come flange di assemblaggio tra avantreno e telaio posteriore
  • Due spezzoni di ferro angolare 20×20 mm per fissare il sedile in acciaio (unico elemento acquistato come ricambio per vecchi trattori agricoli oltre alla bulloneria necessaria).

All’insegna della semplicità! Come si può notare, sono veramente pochi i pezzi che compongono il triciclo da Drift Trike fai da te. L’importante è che il telaio sia robusto e che le ruote posteriori siano distanti una dall’altra, ovvero che l’asse posteriore sia molto largo, in modo da favorire le derapate e non il cappottamento del mezzo.

Si può pensare, inoltre, di sfruttare il Drift Trike aggiungendo un motore elettrico sulla ruota anteriore, che concede la propulsione necessaria per assicurarsi il divertimento su piazzali e parcheggi liberi pianeggianti.

Modifiche e montaggio dei pezzi

Tempo richiesto: 1 giorno.

  1. Modificare l’avantreno della BMX

    Si modifica l’avantreno della vecchia BMX eliminando il telaio superiore e il blocco reggiruota posteriore; al suo posto si salda una piastra in ferro piatto provvista di quattro fori negli angoli.

  2. Realizzare il telaio delle ruote posteriori

    I mozzi delle ruote da kart si saldano all’interno di un tubo in ferro Ø 1/2” e al centro dell’assale si salda la seconda piastra: insieme formano il telaio ruote posteriori.

  3. Pulire e verniciare la seduta

    Il sedile (ricambio da trattore), che viene fornito grezzo, viene pulito con la smerigliatrice con spazzola a tazza in acciaio e verniciato nella seduta con due mani di pittura trasparente spray mentre nella parte inferiore con smalto nero.

  4. Montare le ruote sull’asse

    Le ruote da go-kart vanno rivestite con un pezzo di tubo polietilene Ø 225 PN 10 spesso 13,4 mm, tagliato largo come il battistrada della gomma; per facilitare l’inserimento occorre sgonfiare completamente i pneumatici e bagnare le gomme con una soluzione di acqua saponata; quindi si rigonfiano i pneumatici e si montano le ruote sull’asse posteriore.

  5. Fissare l’assale posteriore

    Si assembla l’assale posteriore mediante le flange con quattro viti TE 8×20 e relativi dadi autobloccanti.

  6. Montare la forcella con il manubrio

    Si lubrifica il blocco reggisterzo e si monta la forcella con il manubrio che è quello della mountain bike.

Drift Trike fai da te: la versione motorizzata

Decidendo di applicare una motorizzazione elettrica al mezzo, la soluzione più semplice è quella di procurarsi una ruota completa, ovvero con il motore elettrico incorporato nel mozzo. Ovviamente si deve optare per un cerchio con la medesima circonferenza della vecchia e misurare, smontando la ruota esistente, la distanza fra le forcelle nel punto del perno.

La batteria e la centralina di regolazione si bloccano sul tubo dell’avantreno con l’apposito borsello tenuto da fasce a strappo.
Acquistato su Amazon al prezzo di 296 euro, il kit comprende: 1 motore mozzo brushless, 36 V 500 W; 1 controller; 1 accessorio di assistenza; 1 leva del freno con dispositivo di spegnimento motore; 1 acceleratore a pulsante; 1 pannello strumenti LCD che consente di tenere traccia dei dati di velocità, chilometraggio, marcia, ecc; 1 manuale istruzioni; 1 custodia impermeabile per la batteria (quest’ultima non fornita nel kit).

Progetto di Diego Mosca.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Macchine