Lavoretti di Pasqua

Uova di legno fai da te | Realizzazione al tornio

0
uova di legno
 

Queste uova di legno fai da te sono il classico esempio di tornitura a sbalzo; si possono lavorare in serie e staccare una a una dal platorello

Decisamente “indigeste”, queste uova di legno fai da te le proponiamo come simbolico addobbo per la tavola di Pasqua.

In tinta unita, rifinite con vernici trasparenti o laccate; la fantasia del realizzatore può decorarle a strisce dorate o con stelline, felci o quant’altro gli salti in mente.

Le coppaie

La lunghezza della coppaia, o per meglio dire del suo grezzo, dipende dal tipo di attacco alla testa motrice del tornio, crescendo secondo che si disponga di mandrino (che afferra la base del pezzo dall’esterno, senza spreco), platorello (al quale il pezzo va fissato con viti più o meno lunghe della cui lunghezza va tenuto conto nello scavo) o coda di porco (che penetra profondamente nell’asse della coppaia).

Qui abbiamo due coppaie, di tenuta e d’appoggio. La prima si tornisce da legno tenero e possibilmente elastico (ideale il frassino). Montando il grezzo tra le punte se ne crea un cilindro col diametro di circa 10/15 mm superiore a quello del pezzo da inserirvi.

Allontanata la contropunta, si apre nel capo libero una cava di diametro identico al codolo del pezzo da tornire (cui, se siamo bravi, abbiamo dato una conicità di circa un ventesimo). Le pareti della cava, tanto più profonda quanto maggiori sono peso e lunghezza del pezzo che deve entrarvi, si aprono con due tagli in croce a creare una specie di pinza che un robusto elastico stringe attorno al codolo con forza sufficiente a non farlo vibrare e scappare durante la tornitura (la coppaia, comunque, serve solo per trattenere pezzi già resi cilindrici; non reggerebbe al tormento della sgrossatura).

La coppaia d’appoggio può farsi di qualsiasi legno, pieno o composito, e la cava dev’essere il perfetto negativo del pezzo in lavorazione (qui la base delle uova di legno) che vi si fissa con pezzetti di nastro biadesivo o un filo di colla termofusibile.

Avvertenza importante: se vogliamo riutilizzare le coppaie e queste non sono fissate alla testa motrice con la coda di porco, che di per sé costituisce un esatto punto di riferimento, dobbiamo marcarne in modo chiaro e permanente i riferimenti al platorello o al mandrino che le reggevano durante la loro creazione.

Uova di legno – Realizzazione

Come materiale si può usare qualunque legno, anche tenero come il pioppo, perché la forma compatta dell’uovo non crea problemi di indebolimento.

È chiaro che i legni teneri, difficili da pulire a specchio, devono essere poi trattati con turapori e smalti colorati, mentre quelli duri, dall’ulivo al palissandro, risplendono già di per sé alla prima levigatura e possono essere trattati a cera o a stoppino mettendo in valore colore e venature.

Le dimensioni delle uova dipendono solo dal legno di cui disponiamo e dalla potenza del nostro tornio; possiamo fare uova di legno di ogni dimensione, da quelle di quaglia a quelle di struzzo.

Smussare il cilindro

Si comincia sgrossando fra le punte il listello grezzo, creandogli un codolo alla misura della o delle coppaie che ci siamo fatte o di quella eventualmente acquistata o in dotazione al tornio.
Reso cilindrico il pezzo, allontaniamo la contropunta e marchiamo con la matita la circonferenza maggiore dell’uovo.
Partendo da destra verso sinistra cominciamo col tornire la parte grossa del primo uovo (il codolo chiuso dalla coppaia viene completamente eliminato a fine lavoro). Col pezzo in rotazione apriamo nella calotta un forellino che può servire tanto per avvitarvi un occhiello per appendere l’uovo o per unirlo in ghirlanda ad altri, quanto per inserirvi un supporto che faciliti la successiva verniciatura.
uova di legno fai da te
Con uno scalpello a taglio obliquo approfondiamo poi la tornitura a creare la parte appuntita del primo uovo.

Uova di legno a catena

Senza staccarlo, cominciamo, sempre dalla parte grossa, a tornire il secondo ed il terzo.
uova di legno
Ripetiamo le fasi di foratura e levigatura della base per ogni altro uovo del listello fino a quello più vicino alla testa motrice.
Tornito il pezzo per tutta la sua lunghezza, ritorniamo al primo uovo, ne levighiamo la base aperta dal forellino e, lavorando con molta delicatezza con lo scalpello a taglio obliquo prima e con quello a lancia poi, lo stacchiamo dalla matrice, trattenendolo fra le dita.
Finite tutte le uova di legno di uguale dimensione, togliamo dal tornio la coppaia di tenuta e montiamo quella d’appoggio. Blocchiamo la parte grossa dell’uovo nella coppaia e ne levighiamo quella minore smussandone la punta troppo acuta lasciata dalla tornitura. Non serve lo scalpello, basta solo carta abrasiva di grana crescente mossa avanti e indietro perché la punta è praticamente ferma.

Colori atossici

Per smaltare le uova di legno vanno usati colori atossici. Un sottile chiodo senza testa piantato in un listello le regge permettendo di verniciarle da ogni lato.

uova di legno colorate

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *