Fai da te Legno

Compensato multistrato | Caratteristiche e lavorazione

0
compensato multistrato
 

Il compensato multistrato è un semilavorato in legno formato da pannelli stratificati molto sottili detti piallacci

Estremamente facile da lavorare e pratico per la costruzione di mobili leggeri e di strutture varie, il compensato multistrato è formato dalla sovrapposizione di più strati di fogli molto sottili (piallacci) incol­lati a pressione con particolari adesivi molto tenaci.

In questo modo il multistrato (definito anche “compensato” quando è composto di soli tre fogli) assume una notevole robustezza e un’ottima flessibilità in ogni dire­zione, in quanto non vi è una venatura preferenziale.

I piallacci hanno spessori variabili che vanno da 0,3 a 2 mm mentre gli spessori che si raggiungono con il multistrato vanno da un minimo di 3 o 4 mm ai 30 – 50 mm per i tipi più robusti.

Taglio e foratura

Il taglio e la foratura del multistrato non presentano alcuna difficoltà, ma le superfici esterne rischiano di risultare leggermente sfrangiate. Conviene sempre intervenire con carta vetrata e, per correzioni più fini, con una raspa a denti sottili. Mentre le facce sono lisce, il bordo del multistrato presenta l’inconfondibile traccia a strati dei fogli di piallaccio.

Finitura 

La finitura del multistrato (solo su quelli impiallacciati con legno pregiato) si effettua con verniciatura alternata ad accurata levigatura. I tipi di qualità inferiore ricevono una mano di cementite che riempie eventuali irregolarità, seguita da una carteggiatura. Poi si passa all’applica­zione di due mani di pittura. 

Come si ottiene il compensato multistrato

Il multistrato si ricava da legni dolci di basso costo (pioppo, betulla, pino) dai cui tronchi si ottengono sottili piallacci.

Ecco come dal tronco viene ottenuto il piallaccio di legno.

Lavorazioni del compensato multistrato

Ritocco della superficie

Nei multistrati di bassa qualità è spesso necessario occultare piccoli difetti della superficie applicando stucco da legno e carteggiando prima di stendere un fondo continuo.

Avvitatura

Si effettua con viti autofilettanti a gambo sottile. Se l’avvitatura è su una costa conviene eseguire un foro guida per non far “scoppiare “ il multistrato. Bagnare la vite con colla rinforza la tenuta.

Avvitatura multistrato

Taglio

Data l’ampiezza dei pannelli capita di dover iniziare un taglio all’interno della superficie. Lo si può fare inclinando il seghetto alternativo e riportandolo in verticale quando la lama è penetrata.

taglio compensato multistrato

Levigatura

Le superfici del compensato multistrato non esigono particolare levigatura, che conviene realizzare con una levigatrice roto-orbitale. Se si insiste troppo in un punto, si rischia di arrivare al piallaccio sottostante.

Levigatura multistrato

Fresatura

Nel multistrato sono presenti collanti che ad alta temperatura possono degradarsi emettendo fumi. La fresatura va perciò effettuata con passate veloci e leggere per non surriscaldare l’adesivo.

fresatura multistrato

Curvatura e sagomatura

Il compensato si piega agevolmente se i raggi di curvatura non sono troppo stretti. Per forzare la curvatura si bagnano le superfici del foglio in modo da ammorbidire le fibre.

curvatura

Compensato prezzo

Il compensato comune indicativamente costa 5 euro al metro quadrato, mentre con il compensato multistrato saliamo di prezzo per arrivare ai 25 euro per pannelli da un metro quadrato e 30 mm di spessore.

Compensato marino

I fogli di piallaccio che formano il compensato e multistrato comune vengono incollati solitamente con adesivi e che non resistono troppo all’immersione in acqua.

Nel compensato per esterni viene usata una colla urea-formaldeide melamminica che dà migliori risultati per strutture esposte all’umidità. 

Compensato marino

Per ottenere risultati ancora più soddisfacenti il compensato marino viene fabbricato utilizzando fogli selezionati di un ristretto gruppo di legnami simili al mogano, molto ricchi di oli essenziali che li preservano naturalmente dall’attacco di funghi e insetti.

I fogli con i quali è fatto il compensato marino vengono selezionati attentamente in modo da non lasciare vuoti all’interno dei pannelli. Per l’incollaggio viene utilizzato un adesivo fenolico insensibile all’umidità.

Compensato marino prezzo

Un pannello di compensato marino, realizzato con essenze di pregio, con dimensioni indicative di 250cm x 200 cm e con spessore di 3 cm, di norma viene venduto a circa 130-140 euro. Pannelli realizzati con essenze meno pregiate hanno un costo inferiore.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *