Pensiero far da sé

Far da sé: questo sì che è

0
 

Tratto da “Far da sé n.506 – Luglio 2020″

Autore: Nicla de Carolis

In questi ultimi mesi tutti abbiamo dovuto imparare e in molti praticare lo smart working, modalità di lavoro, fino a poco tempo fa sconosciuto ai più, confuso con il telelavoro (che sposta semplicemente il lavoro dall’uffico a casa), e che si definisce “lavoro intelligente/agile” perché non prevede vincoli di luogo e di orari.
Riguarda esclusivamente il lavoro di ufficio, occorrono un computer, fisso o portatile, uno smartphone, un collegamento internet veloce e, se necessario, la possibilità di accedere alla rete aziendale: la qualità e la quantità dell’attività possono essere misurate con il raggiungimento degli obiettivi. I vantaggi incontestabili sono importanti: risparmio di tempo e di denaro per i mancati spostamenti, minor inquinamento, libertà del lavoratore di gestire il tempo in autonomia.
D’altra parte, e l’abbiamo visto in questo periodo di prova obbligata dettata dalla pandemia, questo smart working non è tutto rose e fiori: oltre alla difficoltà dei collegamenti a causa dell’inadeguatezza della rete internet del nostro Paese, c’è sicuramente la diminuzione della produttività per carenze di programmazione, organizzazione ed esecuzione. Ma ciò che sembra più pesante è la perdita dell’aspetto sociale del lavoro, l’isolamento del lavoratore a causa della mancanza di contatto con i colleghi e con l’azienda, tutto il giorno solo con un computer e, in più, disturbato dalle attività domestiche che tolgono concentrazione, quasi inevitabili in un’abitazione: non tutti dispongono di una stanza adibita a studio in cui potersi isolare. La comodità di non muoversi da casa, rimanendo magari in pigiama da mattina a sera… orrore… è qualcosa che, alla lunga, ha fatto tornare in molti addirittura il desiderio di trovarsi in coda in tangenziale per raggiungere l’azienda.
Ma aldilà di queste considerazioni, l’atteggiamento del fardasé è di rispondere concretamente al nascere delle nuove esigenze e così in questo numero pubblichiamo un dossier dedicato alla realizzazione di scrivanie e spazi pensati per il lavoro da casa che pare, indipendentemente dal Coronavirus, dovrà entrare sempre di più a far parte della nostra vita.
A mio avviso un’evoluzione che andrebbe presa a piccole dosi perché aggiunge poco in termini di benessere e arricchimento alla nostra mente e che può creare problemi psicologici perché non siamo fatti per “dialogare” solo con un video. Come sempre trovo molto più “smart/intelligente” potersi impegnare in laboratorio, luogo in cui, anche se si è soli, mente e mani sono sollecitate da continui stimoli per progettare, risolvere problemi, tagliare, unire, rifinire, trovare le soluzioni migliori per ottenere il risultato perfetto per le esigenze personali.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *