isolare con il polistirolo
Home / Ristrutturare casa / Isolamento / Isolare con il polistirolo per eliminare la muffa

Isolare con il polistirolo per eliminare la muffa

 

La muffa che si sviluppa sulle pareti delle nostre case non è altro che un fungo microscopico che cresce e si riproduce a temperature tra i 15 e i 30° C su superfici abbastanza umide.

La mancanza di coibentazione sulle spalline delle finestre spesso genera un “punto freddo” che provoca, specie in bagno, la condensazione dell’acqua e offre il terreno ideale per lo sviluppo delle muffe; possiamo risolvere definitivamente il problema cercando di isolare con il polistirolo la parete umida.
Si prepara la superficie con un’energica pulita per eliminare la vecchia muffa e la si lascia asciugare perfettamente.

Il rilievo delle misure e il taglio del pannello isolante dev’essere molto preciso per coprire tutta la superficie. L’incollatura con silicone fa presa in circa un’ora, dopodiché si può passare alla stuccatura rinforzando le giunte e gli spigoli con l’apposita rete per cartongesso.
Un paio di passate di stucco su tutto il polistirolo depositano uno strato sufficiente a irrobustire l’isolante. Dopo alcune ore, o il giorno dopo (dipende dalle temperature), si passa una tela abrasiva per eliminare le irregolarità, quindi una mano di fissativo e poi la pittura murale di finitura.

Isolare con il polistirolo rappresenta un’ottima soluzione per evitare la muffa

eliminare muffa

La spallina della finestra, nel punto non coperto dalle piastrelle, è abbastanza fredda per far condensare quel tanto di umidità che crea un ambiente ideale per la proliferazione della muffa, un nemico difficile da eliminare.
Le macchie scure si rimuovono utilizzando un disinfettante specifico per muffa o semplicemente ipoclorito di sodio (la normale candeggina) e poi ventilando la stanza in modo da far asciugare bene il muro prima di applicare l’isolante.

tagliare polistirolo

Con il cutter e una riga si taglia un foglio di polistirolo spesso un centimetro per ricavare una striscia della stessa larghezza della spallina della finestra.
La precisione è molto importante per non lasciare spazi vuoti tra finestra e polistirolo e coprire l’umidità.

 

 

Come isolare una parete?

Il vano della finestra ha in genere le superfici delle spalline divaricate, per cui è necessario correggere l’inclinazione della parte alta della striscia di polistirolo.
La misura va presa appoggiando una squadra alla finestra e misurando lo spazio in corrispondenza dello spigolo interno del muro.

Per ottenere una buona aderenza si utilizza silicone neutro che non ha solventi e non corrode il polistirolo (reperibile in qualsiasi centro bricolage).
Basta un filo di adesivo vicino ai margini ed alcune strisce nella zona centrale. La quantità di adesivo dipende dalla planarità della superficie da isolare.

 

Come montare pannelli polistirolo soffitto?

I fogli vanno premuti in modo uniforme sul muro curando l’allineamento con lo spigolo esterno. E’ probabile che il polistirolo copra una frazione del telaio della finestra, ma questo non pregiudica la qualità del lavoro fai da te.

Gli spigoli vanno coperti con una striscia di rete per giunti in modo che non si formino crepe sulla giunzione una volta essiccato lo stucco. Il nastro è autoadesivo e resta in posizione anche prima della deposizione dello stucco.

 

 

Con uno stucco per cartongesso si coprono tutte le giunte e si rasa anche la superficie del polistirolo che altrimenti risulterebbe ruvida e non abbastanza resistente. Con un paio di mani si ottiene uno strato sufficientemente spesso e liscio.

 

 

 

Utensili necessari per isolare con il polistirolo una parete:

  • Squadra
  • martello
  • spatola
  • cutter
  • riga
  • pistola per silicone
Isolare con il polistirolo per eliminare la muffa ultima modifica: 2017-09-26T09:37:01+00:00 da Laila

3 commenti

  1. Isolare molto i muri, a volte può essere dannoso, quando le muffe si proliferano nei punti freddi, si attaccano al muro, vivono, ma rimangono lì ferme causate dall’umidità del vivere; è necessario creare un ricambio dell’aria satura.

    Lo sapevate che, 2 persone quando dormono 7/8 ore, solo con sudore e alito perdono 500-600 grammi di acqua ciascuna, aumentando così l’umidità dell’ambiente. Inoltre 2-3 mc di anidride carbonica la quale pesa 2 volte l’aria umida.

    Si possono installare sistemi di ventilazione e ricambio d’aria che aiutano a risolvere il problema.

     
  2. giovanni vittorio sardo

    Buongiorno, desideravo sapere se qualcuno può aiutarmi, in quanto in una stanza costruita quasi per intero in polistirolo, soffitto compreso, ho dei problemi di condensa allucinanti e un’umidità esagerata, che praticamente rende l’ambiente invivibile. L’imbianchino mi riferisce che è stato messo lo stucco per livellare meglio il controsoffitto. Giova precisare che il tetto è definito esternamente con un massetto in cemento ed altra roba. ma comunque non guaina e rivestimento esterno con tegole. Pertanto mi sono adoperatoa fare delle prese d’aria corispondenti, di cui una a nord ed una a sud. Mi chiedo? Non è che già il polistirolo non respira e lostucca ha reso ermetico il controsoffitto e pareti?

     
  3. È il polistirolo a causare le muffe. Abbiamo affittato una casa in una palazzina completamente rivestita di cappotto termico in polistirolo e dal deumidificatore tiriamo fuori quasi 2 bicchieri di acqua solo in camera da letto. Stiamo addirittura pensando di chiedere si proprietari di chiamare qualcuno perché le pareti di stanno riempiendo di muffa.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *