Cucina ristrutturare casa

Installazione lavello cucina

0
installazione lavello cucina
 

Una guida passo-passo per installare in autonomia il lavello della cucina

L’installazione lavello cucina in un nuovo top si può eseguire in proprio a patto che il materiale di cui è fatto il ripiano della cucina sia di facile lavorazione come nel caso di truciolare o legno ricoperti di laminato; una lastra di marmo o granito per essere incisa richiede l’uso di attrezzature professionali, rendendo necessario l’intervento di un marmista.

Il tracciamento e il taglio sono operazioni da eseguire con precisione centrando il foro sul ripiano; il risultato è, oltre ad un miglior effetto estetico, una maggior superficie d’appoggio per le spalline del lavello cucina che, specie nei tipi di grandi dimensioni, risultano piuttosto sottili. Prima di inserire il lavello nella sua sede è consigliabile montare sia il rubinetto che le pilette dato che ad installazione terminata il lavoro risulterebbe molto più difficoltoso. Una striscia di stucco da montaggio o di silicone, inserita tra il lavello e il ripiano, impedisce all’acqua, che a volte esce dai bordi, di penetrare all’interno del mobile, cosa che potrebbe risultare pericolosa in presenza di elettrodomestici.

Installazione lavello cucina – Centratura sul top
Il lavello va sistemato nel suo alloggiamento, centrato con precisione sul piano e bloccato in posizione tramite il serraggio dei morsetti posti nella sua parte inferiore; tutti i bordi e le giunzioni vanno rifiniti con stucco o silicone; quello in eccesso va tolto dal bordo esterno tramite uno straccio o un coltellino.

Per ultimi si collegano gli scarichi facendo in modo di accostarli il più possibile alla parete, così da non ingombrare il già angusto spazio esistente sotto il mobiletto. Il rubinetto può essere a parete o a lavello. Gli arrivi a parete dell’acqua calda e fredda sono forniti da due raccordi da 1/2” femmina, con interasse tra i fori di 165 mm: ad essi si collega il rubinetto. Il tipo a lavello va inserito nel foro e si collega alle adduzioni con tubi rigidi o flessibili grazie alle ghiere con guarnizione.

Montaggio del lavello nel top

  1. marcare sul top l’apertura per l’incasso del lavello richiede una misurazione molto accurata che centri esattamente il lavello, tenendo conto anche della presenza del miscelatore.
  2. nei quattro angoli della finestra vanno aperti altrettanti fori di diametro un po’ superiore alle dimensioni della lama del seghetto alternativo.
  3. si procede col taglio. L’applicazione del nastro autoadesivo sulla linea di taglio riduce sensibilmente la scheggiatura del laminato, comunque poi coperta dal bordo del lavello.
  4. i piani di truciolare nobilitato sono molto sensibili all’umidità e all’acqua, pertanto è meglio spalmare sulla superficie interna un po’ di silicone per impermeabilizzarli.
  5. molti lavelli inox comprendono nella confezione anche la guarnizione autoadesiva da inserire sotto i bordi che poi le graffe di sostegno bloccano (attenzione alla centratura) sul top. La rubinetteria e gli scarichi vanno montati al loro posto prima di incassare il lavello.
  6. montato, capovolto, il lavello su una coppia di cavalletti, sostenendolo con un paio d’assi di scarto, vi si calza il top, anch’esso ovviamente capovolto, e dopo averlo centrato con la massima cura si procede al fissaggio seguendo il sistema previsto dal costruttore.
  7. bordato il lavello con nastro, lasciando una fuga di non più di due millimetri, si inserisce sotto il suo bordo il silicone trasparente.
  8. tutta la zona di contatto del top con le pareti si impermeabilizza con un consistente cordone di silicone.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *