Cucina ristrutturare casa

Montaggio pensili cucina

0
montaggio pensili cucina
montaggio pensili cucina
 

Ecco come effettuare il montaggio pensili cucina senza dover chiamare uno professionista

Il montaggio pensili cucina è una delle prima operazioni da compiere durante l’assemblaggio di una cucina componibile, per avere maggior libertà di movimento.

Se le basi e il piano di lavoro fossero già installati ci troveremmo costretti ad agire lontani dalla parete e a sbalzo sulla scala, in posizione precaria, la sola cosa che possiamo posizionare prima dei pensili per avere un sicuro riferimento è la colonna frigo, alla cui sommità vanno allineati tutti i moduli sospesi.

Una piantina in scala con gli ingombri e la collocazione di tutti i componenti ci aiuta a posizionare i pensili in esatta corrispondenza con i moduli base (cappa e fuochi, scolapiatti e lavello) fissando le barre di sostegno alla giusta altezza soprattutto valutando la giusta altezza pensile cucina.

Cosa bisogna sapere circa il montaggio pensili cucina


  • Mentre per le basi la profondità è di regola di 60 cm, per i pensili si riduce a circa 35 cm.
  • Nel calcolare la distanza tra le basi e i pensili, teniamoci la possibilità di installare sotto questi ultimi una fonte d’illuminazione artificiale diretta sul piano di lavoro.
  • Le cerniere a molla presentano sedi obbligate sull’anta, ma dispongono di viti di registro dell’inclinazione dell’anta rispetto al mobile.

Cosa serve per il montaggio pensili cucina:

Montaggio pensili cucina fai da te

  1. I pannelli del kit di montaggio presentano già i fori attraverso i quali effettuare le giunzioni. Importante è mantenere ben in squadra e allineati gli elementi durante l’assemblaggio.
  2. Anche nel montaggio delle cerniere non c’è possibilità di errore, basta inserirle nelle sedi ricavate nell’anta e fissarle con una coppia di viti autofilettanti, dopo aver marcato i fori con un punzone.
  3. Sulla faccia interna i pannelli verticali presentano due serie di fori equamente distanziati che servono per il montaggio delle guide dei cassetti e per inserire i sostegni dei ripiani interni.
  4. Per la sospensione dei moduli le cucine moderne utilizzano barre da fissare al muro con tasselli a espansione. In base alla configurazione scelta per la cucina e alle diverse dimensioni dei pensili  si tracciano i punti da forare mantenendo le barre perfettamente in bolla. Una volta inseriti i pensili sulle guide questi risultano allineati e affiancati senza alcuna difficoltà.
  5. I ganci di sostegno dei pensili dispongono di un sistema a doppia vite sul quale si può agire, dopo averli appesi alla barra, per le regolazioni di fino e per fare in modo che risultino tutti alla stessa distanza dalla parete.

Progettare la disposizione dei pensili cucina

I moduli per cucina hanno larghezze standardizzate, a multipli di 15 cm, per cui è facile progettare la loro disposizione dopo aver rilevato le dimensioni delle pareti , tracciando anche l’ingombro di porte e finestre.


Teniamo conto che la distanza ottimale tra il top delle basi e il lato inferiore dei pensili è convenzionalmente 54 cm, fa eccezione la cappa che dev’essere a non meno di 65 cm sopra il piano di cottura.

La colonna frigorifero va sempre a un’estremità laterale, il lavello deve trovarsi tra frigo e piano cottura per facilitare il percorso di prelevamento, lavaggio, preparazione e cottura dei cibi senza “zigzagare” nello svolgimento di queste fasi. Posizioniamo, se possibile il piano di lavoro davanti alla finestra.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *