Home / Ristrutturare casa / Lavori in casa / Pitturare casa / Pittura per piastrelle
pittura per piastrelle
pittura per piastrelle

Pittura per piastrelle

 

Non è infrequente il caso che le piastrelle del bagno ci vengano a noia. Ecco come rinnovarle utilizzando pittura per piastrelle

Il sistema classico per rinnovare le piastrelle sarebbe quello di staccarle dal muro e di sostituirle con altre, ma si tratta di un lavoro complesso e abbastanza costoso.

Se quello che meno ci piace nella vecchia piastrellatura è il colore, non c’è necessità di sostituire completamente le piastrelle: sono disponibili smalti bicomponenti (pittura per piastrelle) che si aggrappano alla ceramica, di qualsiasi tipo, smaltata o no, con una tenacia quasi pari a quella ottenibile con la cottura degli smalti e resistono agli urti, ai grassi, ai raggi ultravioletti, al calore e a ogni altra aggressione possibile nell’ambiente domestico.

É utile sapere che la pittura per piastrelle aderisce bene solo su superfici assolutamente prive di unto e grasso e ha un “tempo di apertura” assai più breve degli smalti a solvente o ad acqua, per cui richiedono non solo una pulizia accuratissima delle vecchie piastrelle con un primer a base acida, ma anche un’applicazione veloce.

Pittura per piastrelle  Cosa serve

pittura per piastrelle

  • Soluzione acida (il cui compito è quello di pulire e sgrassare le piastrelle)
  • Smalto bicomponente
  • Rullo e pennelli di varia dimensione

L’applicazione

verniciare piastrelle

  1. Prima della smaltatura delle piastrelle dobbiamo applicare sulla superficie una soluzione acida che sgrassa la ceramica fornendo il sottofondo ideale per il successivo trattamento di smaltatura.
  2. Dopo aver aperto il barattolo dello smalto epossidico versiamo al suo interno tutto il catalizzatore. Mescoliamo accuratamente affinché il catalizzatore si distribuisca in modo omogeneo.
  3. Iniziamo a trattare le piastrelle  con lo smalto partendo dalla parte superiore della piastrellatura applicando pennellate regolari. Non intingiamo eccessivamente il pennello per evitare colature.
  4. Proseguiamo a trattare le piastrelle lavorando zone non superiori a 1 m2. Indossiamo guanti di lattice per evitare di macchiare le mani con lo smalto che si elimina solo con acquaragia.
  5. Dopo circa 30 minuti, il prodotto acquista consistenza, pur rimanendo fresco, ed eventuali colature o imprecisioni possono essere eliminate ripassando sullo smalto il rullino asciutto.
  6. L’effetto a “buccia d’arancia” che si manifesta è solo temporaneo, lo smalto si ridistende spontaneamente dopo poco tempo. Lasciamo asciugare la superficie per almeno 48 ore senza toccarla.

Anche sulla vasca da bagno

vernice vasca da bagno

  1. Puliamo la vasca con decalcificante e trattiamo tutte le superfici con uno straccio, poi asciughiamo. Piletta e troppopieno vanno protetti.
  2. Isolata la piastrellatura con nastro maschera mescoliamo i due componenti, poi cominciamo ad applicare lo smalto con il pennello.
Pittura per piastrelle ultima modifica: 2016-08-16T11:44:58+00:00 da Redazione Bricoportale

4 commenti

  1. Ma la pittura per la vasca quanto tempo durata???

     
  2. Salve vorrei sapere se e possibile aggiungere il pigmento nela pittura per piastrelle? Grazie

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *