Porte

Porte a soffietto riducibili

2
Porte a soffietto
 

In alcune situazioni per separare un locale dagli altri non è necessario (o conveniente, o possibile) installare una porta tradizionale: con una porta a soffietto il lavoro può essere fatto velocemente e con poca spesa, senza bisogno di opere o professionisti

Le porte a soffietto risolvono le situazioni in cui non è possibile installare una comune porta a battente o una porta scorrevole: la prima perché il sistema di apertura può essere troppo invadente (pensiamo, per esempio, a una dispensa o a un bagno di servizio), la seconda perché, anche nella versione a binario esterno, richiede comunque l’esistenza di una parete laterale larga abbastanza e libera da arredi e complementi. Le porte riducibili in PVC possono essere scelte in diverse finiture e non necessariamente il colore del telaio deve essere lo stesso dei pannelli, che possono essere ciechi o vetrati; in quest’ultimo caso, all’altezza di una comune anta semivetrata a battente, ciascun pannello riporta una serie di feritoie rettangolari (solitamente quattro) che permettono il passaggio della luce in chiusura.  Installando questo tipo di apertura, bisogna accettare una riduzione della luce di passaggio, in quanto i pannelli si impacchettano, sovrapposti, sul lato opposto alla maniglia. Per avere un’idea dello spazio destinato al transito che si perde basta moltiplicare il numero dei pannelli necessari per il loro spessore, trattandosi di elementi realizzati con struttura alveolare. Questo kit, facile da installare, comprende 5 pannelli intermedi di larghezza 115 mm più tutti gli accessori del caso: gli unici attrezzi necessari sono un cacciavite (o un avvitatore) e un seghetto da ferro, la cui dentatura fine si presta al taglio dei materiali plastici. Rollplast-Pinto Sistemi 

Le porte a soffietto riducibili sono facili da montare

montaggio porta a soffietto

porta riducibile in pvc

  1. Si inizia inserendo una cerniera tra il primo mezzo pannello e il primo pannello intero. Si fa lo stesso tra l’ultimo mezzo pannello e l’ultimo pannello intero.
  2. Collocati in verticale i pannelli interi necessari tra i due elementi appena composti, si inseriscono le cerniere sotto e sopra tra i pannelli e si bloccano tramite i fermacerniere.
  3. Si avvitano quindi i funghetti di scorrimento (un pannello sì e uno no); sulla stecca portamaniglia vanno due funghetti.
  4. Sui funghetti si calza la guida facendola scorrere.
  5. Sul portamaniglia si pratica un taglio a 45° e si realizza l’incavo per il magnete.
  6. Si aggancia il magnete nel portamaniglia e lo
  7. si avvita il magnete.
  8. Si praticano i due fori per la maniglia e
  9. la si avvita in posizione.
  10. Nell’ordine, da sinistra, si vedono il mezzo pannello, il portamaniglia e i pannelli, poi le guide laterali e una cerniera.
  11. Gli accessori e la ferramenta necessari sono: due maniglie, il magnete di chiusura, i funghetti, i fermacerniere e le viti autoforanti.

Vedi anche

2 Commenti

  1. Buongiorno, si fa per dire. Questa mattina mi sono cimentato nel montaggio di una porta riducibile “Sara”, ho seguito le vostre istruzioni in questa pagina ma chiudendo la porta il “mezzo pannello” sul montante forza ed esce dal montante stesso. Ho girato e rigirato la porta, niente da fare. Mi sa che ho buttato via 60 euro.
    Qualcuno più bravo mi sa dire cosa succede???

     
    1. Potrebbe fornici più informazioni sul kit da lei acquistato?, grazie.

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Porte