Auto, moto e bici

Batteria auto scarica | Come far partire l’auto con un’altra batteria

0
Batteria auto scarica
Batteria auto scarica
 

Batteria auto scarica? Ecco come usare correttamente un’altra batteria per avviarla

Una batteria un po’ vecchiotta può dare qualche problema: bisogna quindi stare attenti a non ottenere una batteria auto scarica esaurendola con ripetuti avviamenti, proteggerla da freddo e umidità che la scaricano, pulire poli e morsetti perché i depositi di ossido rendono difficoltoso il passaggio della corrente.

E’ consigliabile tenere in auto una coppia di cavi per l’avviamento di emergenza e usare per il soccorso una batteria che abbia lo stesso voltaggio di quella scarica. Ricordiamo, al momento della partenza, di non tenere inseriti altri apparecchi che assorbono energia. Servono circa tre chilometri di strada per rimpiazzare la corrente consumata in un solo avviamento.

Se i poli della batteria sono ossidati bisogna pulirli con una spazzola metallica o con carta vetrata, proteggendoli poi con grasso neutro.

Le pinze a coccodrillo dei cavi di soccorso vanno agganciate saldamente ai morsetti, che forniscono una presa migliore rispetto ai poli.

I cavi vanno collegati con un ordine ben preciso: 1: batteria auto scarica 2: +batteria di soccorso; 3: -batteria di soccorso; 4: massa auto in panne.

Per collegare il cavo di massa al veicolo in panne bisogna scegliere una parte metallica non isolata e collegata al telaio del veicolo.

Durante l’avviamento il motore dell’auto di soccorso va mantenuto leggermente accelerato
per sfruttare anche l’apporto dell’alternatore.

Quando il motore dell’auto in panne si è avviato bisogna subito staccare i cavi, ripetendo in ordine inverso le operazioni di montaggio.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *