Auto, moto e bici

Candele della moto: come fare manutenzione

2
candele moto
 

Quando la moto rimane inutilizzata per molto tempo, l’avviamento risulta difficoltoso, anche se la batteria è completamente carica perché il carburante non arriva rapidamente all’accensione. Insistendo con l’acceleratore, la benzina incombusta bagna la candela della moto e questa non riesce a scoccare la scintilla, bisogna estrarla dalla sua sede per ripulirla e asciugarla se si vuole che il motore si avvii.

Su ogni cilindro del motore c’è una candela, quindi è opportuno averne sempre una o più di scorta qualora il malfunzionamento non possa risolversi con un’adeguata pulizia dell’elettrodo e della filettatura.

Cosa serve per fare manutenzione alle candele della moto

  • Chiave snodabile per candele
  • Spazzola con setole di metallo
  • Carta vetrata
  • Spessimetro

Tempo richiesto: 30 minuti.

  1. Rimozione del connettore

    Per svitare la candela dobbiamo prima rimuovere il connettore a cappellotto, afferrandolo al centro del corpo a pipa che protegge il cavo elettrico e sollevandolo con decisione.

  2. Pulizia della zona attorno la candela

    Dobbiamo pulire con cura la zona attorno alla candela per evitare che, dopo averla svitata ed estratta, possano scivolare tracce di sporco o piccoli detriti all’interno della camera di scoppio.

  3. Rimozione della candela

    Inseriamo la chiave a tubo sul corpo della candela curando che l’esagono entri bene in sede. Bisogna fare molta attenzione a non danneggiare l’isolante ceramico che riveste l’elettrodo centrale.

  4. Misurazione della distanza tra gli elettrodi

    Effettuiamo una prima pulizia con uno straccio e una spazzola metallica per rimuovere le incrostazioni, poi con lo spessimetro misuriamo la distanza tra gli elettrodi. Salvo diverse indicazioni, dev’essere tra 0,6 e 0,8 mm.

  5. Verifica dell’isolante di ceramica

    Verifichiamo che l’isolante di ceramica non presenti screpolature, nel qual caso la candela è inservibile. Togliamo e puliamo anche il manicotto filettato a cui va collegato il connettore a cappellotto, poi rimontiamolo.

  6. Lubrificazione del filetto

    Per non danneggiare la filettatura della testata e facilitare una futura rimozione della candela lubrifichiamo leggermente il filetto con un poco di grasso resistente alle alte temperature. Rimontiamola senza forzare troppo.

Vedi anche

2 Commenti

  1. Ultimamente state solo più pubblicando articoli sulle manutenzioni (quarto post in 9 giorni): in “lavorare il Legno” l’ultimo post è del 3 agosto ma quello precedente addirittura del 20 luglio (un mese fa), in “Costruzioni fai da te” andiamo addirittura indietro fino all’11 ottobre dello scorso anno per trovare un post, in “fai da te” ultimo articolo il 29 luglio (quasi un mese fa).
    Quand’è che anche noi amanti del legno potremo trovare qualcosa di nostro interesse?

     
    1. Ciao Claudio, prossimamente pubblicheremo nuovi articoli sulla lavorazione del legno. Grazie per la segnalazione e buona giornata

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *