Auto, moto e bici

E-bike fai da te | Come realizzare il supporto per la batteria

0
ebike fai da te
 

Una bici da enduro viene trasformata in ebike fai da te mediante un apposito kit che comprende motore e accessori; manca solo il supporto per batteria

Possedere una bici all-mountain e da enduro, permette di prendersi tante soddisfazioni nei fuori pista, procurandosi divertimento e piacere infinito nelle escursioni su qualsiasi tipo di sentiero, specialmente se sconnesso, grazie al doppio sistema di ammortizzatori regolabili su entrambe le ruote che, nell’insieme, assicura una sospensione efficiente e sensibile.

Per praticare tale sport è richiesto però un apprezzabile allenamento, unito alla resistenza fisica, non sempre presenti dopo una stressante settimana lavorativa per chi può praticare attività sportive solo nei week-end.
Piuttosto che rinunciare alle escursioni in bici anche quando non siamo abbastanza in forma, possiamo trasformare la nostra bici (in questo caso modello Stereo HPA 160 all-mountain) in ebike fai da te, senza fare costosissimi investimenti (il prezzo di una bici elettrica di tale categoria può superare anche i 5.000 euro!).

Abbiamo acquistato un apposito kit di trasformazione composto da motore elettrico completo di tutti gli accessori necessari, quali le leve del freno, i sensori idraulici, il display con funzione Bluetooth, i cavi, la ruota dentata con protezione, le pedivelle, il sensore di velocità, il set di controdadi e la batteria.

Scopri come montare un kit completo: Bici elettrica fai da te

Il supporto per la batteria

Con l’apposito kit per ebike fai da te è sufficiente provvedere solo al sostegno della batteria, alquanto pesante, con dimensioni di 367×90×111 mm.

Piuttosto che accontentarci di acquistare un portabatteria di tipo a borsello, oppure cinghie a strappo da legare al telaio (entrambi i sistemi poco pratici e non adatti alla tipologia della sua bici), abbiamo ideato e costruito un contenitore su misura sagomando un profilo di recupero in acciaio inox a forma di C: questo pezzo metallico da 1000x200x50 mm in origine era adibito a battiscopa di un banco frigo.

Per la costruzione del supporto, un pezzo del profilo viene usato tal quale, semplicemente forato in tre punti per essere fissato al telaio della bici tramite un U-Bolt autocostruito e una vite passante che si avvita in uno dei rivetti filettati predisposto di serie per il portaborraccia.

Un secondo pezzo viene sagomato con due diversi angoli che chiudono da una parte verso il motore e in punta verso il tappo superiore, in modo da dare una forma flessuosa al contenitore inox che poi, con la tecnica del wrapping, viene rivestito con pellicola adesiva in finto carbonio.

I componenti delle biciclette hanno una nomenclatura che talvolta differisce se si parla di cicli da strada, mountain bike o per altre discipline specialistiche. Qui indichiamo le voci che identificano le parti principali, utili nella lettura dell’articolo sull’ebike fai da te, ma anche per spiegarsi meglio quando ci si rivolge a un centro assistenza.

Rilevare l’ingombro batteria

ebike fai da te
Con nastro adesivo si attacca un foglio di cartoncino bianco con un lato in asse al telaio. Si accosta la batteria nella posizione voluta e se ne traccia il perimetro sul foglio, contrassegnando anche la circonferenza del motore e la possibile sagomatura finale.
Con un goniometro si rilevano gli angoli da riportare prima su una sottile lamiera ad angolo da sagomare con una cesoia.
Si usa il sottile angolare come dima per tracciare con precisione gli angoli sui bordi estremi del profilo inox.

Costruzione del telaietto in acciaio

Per la massima precisione dei tagli, si equipaggia la smerigliatrice angolare con disco da taglio spesso 1 mm.
ebike fai da te
Si piega il pezzo fino alla chiusura e pareggio delle scantonature e si esegue una prova in bianco sotto il telaio.
Con saldatrice TIG si saldano tutti gli angoli dopo averli bloccati in posizione interponendo delle tavolette di scarto sulle ganasce della morsa.
Si taglia e si salda una piattina inox 20×3 mm per realizzare una staffa a U, tale da reggere, mediante incastro, il supporto della batteria.

Fissaggio definitivo degli elementi

Una fetta di profilo a C lunga 90 mm come lo spessore della batteria, viene saldata in prossimità del vertice inferiore che chiude verso il motore.
Uno spezzone di barra filettata M6, preventivamente verniciata nero opaco e infilata in un tubicino in gomma trasparente, viene sagomato intorno al telaio per realizzare il collare U-Bolt che regge la staffa flangiata.
ebike fai da te
Con una punta da 4 mm, passante all’interno del rivetto filettato Ø 6 mm (attacco inferiore del porta borraccia) si esegue un foro perpendicolare sul telaio dell’ebike fai da te e contemporaneamente si marca anche il coperchio superiore mantenuto in posizione dall’U-Bolt.
Successivamente entrambi i fori si ripassano dal di sotto con punta da 6,5 mm.
I fianchi della scatola si chiudono con due pezzi di Alupanel spessi 4 mm ritagliati come la sagoma perimetrale esterna del contenitore.
batteria ebike fai da te
Il telaio, dopo aver innestato la base inferiore a incastro sulla staffa interna, si completa con solo due viti M4 con testa bombata che serrano sul fronte superiore del supporto solidale al telaio che dapprima deve essere preventivamente tappato in testa con una piattina da tre mm sui cui poter praticare i due fori filettati.

Rivestimento con tecnica wrapping

Si acquistano alcune pellicole adesivizzate con trama in finto carbonio per il rivestimento esterno del supporto che regge la batteria.
L’interno del supporto viene imbottito con una striscia di materiale isolante che contribuisce a tenere ferma in posizione la batteria.
Si posizionano i carter al centro della pellicola e si tagliano le eccedenze e gli angoli con un coltellino molto affilato.
I lembi della pellicola si ripiegano e si fanno aderire anche verso gli angoli interni dei profili e si tagliano le eccedenze e gli angoli con un coltellino molto affilato.
ebike fai da te
Le due facce interne, realizzate in Alupanel, si verniciano di nero opaco per dare al supporto un aspetto armonico e professionale che lo rende perfettamente integrato con la bicicletta.

Mappatura parametri ebike fai da te

Completata l’installazione del portabatteria, del motore e gli altri accessori, si esegue la mappatura dei parametri con apposito software dedicato col quale si impostano i vari livelli di assistenza da 1 a 9, la potenza che deve erogare il motore, la velocità di pedalata e il tempo di riattacco motore dopo ogni cambio marcia.

ebike fai da te

Cos’è una e-bike? Cosa c’è in commercio?

Per e-bike si intende la bicicletta con pedalata assistita, ovvero quel tipo di bicicletta da passeggio (city-bike), moutain-bike o gravel-bike che goda dell’ausilio di un motore elettrico a batteria che interviene alleggerendo la fatica sui pedali, ma solo quando l’utilizzatore effettua uno sforzo sugli stessi. Il sistema della bicicletta elettrica è tarato per legge in modo che l’aiuto cessi quando si raggiunge la velocità di 25 km/h.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *