Auto, moto e bici

Frontalino dell’auto, guida alla sostituzione

0
sostituzione frontalino auto
 

La riparazione di un paraurti solamente ammaccato, come la sostituzione del frontalino dell’auto, non rientra tra i divieti imposti ai privati di intervenire nella manutenzione, in quanto l’intervento non interferisce con la sicurezza del mezzo. Trattandosi di un pezzo facilmente asportabile si rimuove il pezzo danneggiato e si installa al suo posto uno nuovo, possibilmente originale, che richiede soltanto (e non sempre) la verniciatura nel colore dell’auto. La verniciatura può essere eseguita in proprio con le bombolette spray, ma il risultato, per quanto accettabile nell’immediato, non potrà essere duraturo come una verniciatura con forno eseguita in carrozzeria.

Cosa serve per sostituire il frontalino dell’auto

  • Chiavi a forchetta, a bussola, cacciaviti, pinze
  • Pezzo di ricambio originale

Tempo richiesto: 2 ore.

  1. Smontaggio della parte danneggiata

    Smontaggio della parte danneggiata: capita spesso che dadi di fissaggio e viti, che bloccano una parte della vettura, siano collocati in posti non facili da raggiungere. In alcuni casi basta aprire il cofano per trovarsi davanti i bulloni che fissano il frontalino e la griglia anteriore che dobbiamo asportare. Con chiavi a bussola o a forchetta, o magari cacciaviti allentiamo i sistemi di unione.

  2. Rimozione della parte danneggiata

    Una volta allentati tutti i sistemi di unione possiamo procedere alla rimozione del frontalino.

  3. Riparazione/sostituzione del pezzo

    Smontato il pezzo danneggiato e controllato che non sia possibile ripararlo con qualche martellata e un po’ di stucco, ci procuriamo dal concessionario il pezzo nuovo, da verniciare del colore originale (le case automobilistiche indicano su una targhetta il codice delle vernici usate).

  4. Montaggio nuovo frontalino

    Possiamo poi procedere al suo montaggio ripercorrendo, in ordine inverso, i passi fatti per smontare quello vecchio.

Bombolette spray

Lasciando ai carrozzieri gli interventi maggiori, per la verniciatura di parti poco estese possiamo utilizzare le bombolette spray che alcune case producono nell’intera gamma usata dai fabbricanti. I colori sono garantiti per tenuta e stabilità e sopportano anche la lucidatura (non abrasiva).
I pezzi da verniciare vanno prima sgrassati e carteggiati. Controlliamo su un pezzo di scarto la concordanza del colore, possiamo applicare la vernice spray in più mani leggere, tenendoci a 20 cm di distanza dal pezzo.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *