Costruzioni fai da te

Carrello portabiancheria fai da te

0
carrello portabiancheria
 

Un cesto per riporre il bucato da lavare o stirare fa sempre comodo, meglio ancora se possiamo spostarlo con facilità e farlo sparire quando non serve. Questo carrello portabiancheria è montato su rotelle e possiede un telaio pieghevole. La colorazione e i materiali sono in tinta naturale e il sacco è smontabile e lavabile. Se vogliamo eliminare totalmente il metallo, anche dal sacco, sostituiamo gli occhielli con asole cucite. Il sacco lo realizziamo con cuciture diritte utilizzando la robusta tela da vela o altre stoffe grezze.

In alternativa possiamo riciclare un sacco, già pronto, aggiungendo eventualmente degli occhielli che applichiamo con l’occhiellatrice dotata di punta a fustella, la quale fora direttamente la stoffa. Lo stesso modello di telaio reggisacco, diminuendo in proporzione le dimensioni, si può proporre come portariviste o portaoggetti per la casa.

Cosa serve per realizzare un carrello portabiancheria

  • Listelli in rovere o faggio
  • Tondini di ramino da 20 mm
  • Tavoletta di rovere o iroko
  • Spine di legno
  • Tessuto di tela
  • Corda di nylon (o spago di fibra naturale);
  • Occhielli
  • O-ring Ø 60 mm;
  • Colla vinilica
  • Sega a dorso
  • Trapano
  • Martello

Come costruirlo

Tempo richiesto: 2 ore.

  1. Realizzazione delle gambe

    Iniziamo con il realizzare le gambe del supporto: con la sega a dorso eseguiamo sui listelli il taglio a 60°, dopo aver preso le misure con l’aiuto del goniometro. Teniamo fermi i pezzi con uno strettoio.

  2. Foratura delle gambe

    Effettuiamo sulle gambe i grossi fori per il tondino che deve unirle rendendo rigida e robusta la struttura. I fori vanno eseguiti con il trapano a colonna con una punta da 20 mm di diametro.

  3. Inserimento della spina di legno

    Con la punta ø 6 mm, su cui abbiamo inserito il limitatore di profondità, foriamo i listelli in corrispondenza dei tondini per inserire la spina di legno che funge da fermo per i tondini stessi.

  4. Foratura del blocchetto sagomato di scontro

    Il blocchetto sagomato di scontro di apertura dev’essere forato per l’inserimento delle spine. Per una maggiore precisione teniamolo in posizione e foriamolo contemporaneamente al listello.

  5. Inserimento delle ruote

    La ruota si inserisce sul mozzo sul quale abbiamo in precedenza effettuato un foro da 6 mm. Inseriamo la spina di blocco e calziamo l’O-ring sul profilo della ruota, come “battistrada”.

  6. Fissare la tela

    Applichiamo gli occhielli con la fustellatrice e il martello. Fustellando, si buca anche la stoffa, senza bisogno di altre lavorazioni.

  7. Completamento con la cordicella

    Facendo passare la cordicella, leghiamo il sacco al telaio; due nodi, alle estremità e internamente al sacco, impediscono che si sfili.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *