Manutenzione e riparazione

Rinnovare parquet massello | Tutti i passaggi da fare e quali prodotti usare

0
rinnovare parquet
rinnovare parquet
 

Un pavimento in legno non richiede più attenzioni di altri: la pulizia ordinaria è molto semplice e, se ci si attiene alle regole, rimane bello per molti anni; anche quando si rivela necessario un intervento di rinnovo non c’è da allarmarsi

Non a tutti può piacere, ma anche a detta dei professionisti del settore il parquet acquista un fascino superiore quando il suo aspetto risulta vissuto, dopo anni di calpestio; tant’è che molte aziende di settore si impegnano nel produrre doghe che appaiono invecchiate usando legni nuovi, e in alcuni casi usano vere e proprie tavole di recupero. Resta il fatto che, col tempo, l’usura più accentuata in alcune zone, qualche scalfittura di troppo e qualche macchia prodotta accidentalmente, facciano nascere l’esigenza di rinnovare parquet di diversa natura.


Quali sono le operazioni necessarie per rinnovare parquet usurati

Le operazioni di rinnovo riguardano essenzialmente i parquet incollati o inchiodati, massicci o prefiniti, non i laminati o quelli a posa flottante. Questo perché si tratta di attuare una levigatura superficiale (lamatura), per mezzo di macchine rotanti, che elimina la finitura superficiale e, in linea di massima, da 0,3 a 1,5 mm di legno, riportando il parquet al grezzo; dopo eventuali stuccature e un accurato spolvero, occorre ripetere il trattamento di finitura per rinnovare parquet, che può essere anche di tipo diverso dall’originale: molti parquet verniciati, oggi abbastanza superati, in fase di rinnovamento vengono rifiniti a olio o a cera, eventualmente variandone la colorazione.


Come pulire un parquet

Contrariamente a quanto molti pensano, la pulizia ordinaria di un parquet è veramente semplice. Occorre prima di tutto attenersi alla scheda tecnica rilasciata dal produttore; una cera di mantenimento sbagliata può depositare, negli anni, uno strato che impiastra le venature. Non vanno mai utilizzate scope a vapore o lavapavimenti, bensì saponi detergenti neutri (che non contengano ammoniaca, brillantanti, alcol o altre sostanze aggiuntive) in acqua, strofinacci (a pelo corto se il pavimento è liscio, a pelo lungo se ruvido o irregolare), spazzole di saggina o plastica su strofinacci procedendo lungo vena. Non usare mai sola acqua perché non sgrassa e, prima di ogni lavaggio, provvedere a passare l’aspirapolvere con spazzole adatte.

Come bisogna comportarsi prima di rinnovare parquet in legno massello

da non fare Mai: versare acqua su parquet

Da non fare mai: versare una quantità eccessiva di acqua saponata per sciogliere sporco o macchie.

vetrificante per parquet

Se il parquet viene verniciato bisogna utilizzare prodotti vetrificanti che preservino dall’usura le zone ad alto pedonamento e ne mantengano la lucentezza, evitando che si opacizzino.

shampoo per parquet

In caso di macchie o incrostazioni lo shampoo per la pulizia del parquet si versa direttamente sulla zona e si strofina con un panno.

Come ripristinare la finitura di un parquet massello

 

disco di feltro per lucidatrice

lucidatrice per parquet

1 -2 Montando sul platorello della macchina rotante un disco di feltro non molto aggressivo si può eliminare soltanto la patina superficiale senza effettuare una vera levigatura; in questo modo si prepara il parquet al ripristino del trattamento di oliatura, favorendone l’assorbimento.

aspirare parquet

3 – Il pavimento va poi perfettamente pulito con l’aspirapolvere, partendo dalla zona più lontana dalla porta e procedendo a ritroso. Terminata questa fase, conviene non entrare nel locale con comuni calzature, meglio indossare calzini che non rilascino fibre.

olio per parquet

4 – L’olio si stende con un rullo non lanuginoso, versandone una modesta quantità sul pavimento per poi distribuirlo sul legno, facendolo assorbire per bene. Per non sporcare il muro o il battiscopa ci si può aiutare con un’opportuna striscia di cartoncino disposta a protezione.

rimozione olio parquet

5 –  Qualora in alcune zone l’olio non venisse completamente assorbito, si può in parte rimuovere con un panno, in parte distribuirlo su una zona più ampia.

spazzola rotativa

6 – Il locale non dev’essere assolutamente frequentato per almeno 12 ore, trascorse le quali (sempre senza scarpe) si procede nuovamente a passare la spazzola rotativa per “frizionare” la superficie e renderla di nuovo assorbente.

stesura olio parquet

7 – Si stende una seconda passata di olio per essere certi che il parquet venga saturato dal trattamento; si asportano gli eccessi e si lascia asciugare bene.

Dai piccoli ritocchi alla lamatura di rinnovo

cera colorata per parquet

1 –  La caduta di oggetti pesanti o spigolosi può causare profondi segni nel legno; la riparazione più elementare consiste nel coprire e livellare la superficie con cera colorata in stick nella tonalità più indicata, poi lucidare con un panno di lana.

2 – Se la superficie non è scalfita, ma soltanto ammaccata, per farla rinvenire possiamo stendere uno straccio bagnato (non troppo) sulla zona e passarvi più volte il ferro da stiro caldo; umidità e calore rigonfiano il legno e livellano la superficie.

lamatura

3 – Dopo diversi anni, nonostante la manutenzione, il parquet può presentarsi usurato: se merita (e se lo spessore di legno nobile lo consente) si può eseguire una lamatura e asportare circa 1-1,5 mm di strato superficiale, eliminando tutti i segni. Le lamatrici possono anche essere noleggiate: bisogna poi ripulire con cura e procedere alla stesura di un nuovo trattamento di finitura.

Quali prodotti utilizzare per innovare parquet

rinnovatore parqiet

RINNOVATORE PARQUET
Si applica su tutti i parquet vetrificati o preverniciati che presentano opacità, crea un film protettivo che rallenta l’usura, attenua i graffi e dona al legno un bell’aspetto satinato in una sola mano. V33

olio duro allacqua

OLIO DURO PER PARQUET
All’acqua, per pavimenti e mobili, opaco, incolore o variamente colorato, finitura trasparente ad alta resistenza e durata contro umidità, sporco e usura, quasi nessun ingiallimento. Per cura e ripristino, può essere utilizzato con macchinari o attrezzi usuali per vernici all’acqua; essiccazione entro 2 ore circa per la seconda mano, carteggiabile, alta resa. www.koppa.it

vetrificatore parquet

VETRIFICATORE PER PARQUET
Ideale per tutti gli ambienti, rispetta la qualità dell’aria di casa e protegge durevolmente i parquet. Raccomandato per il rinnovo dei vecchi parquet (cerato, vetrificato, oliato…), asciuga molto rapidamente e permette il riutilizzo degli ambienti in giornata. Incolore satinato, incolore lucido, incolore opaco, cera naturale. Pronto all’uso senza diluizione. www.syntilor.it

vernice acqua parquet

VERNICE ALL’ACQUA PER PARQUET
Prodotto Ecolabel, resistente al calpestio, trasparente, inodore, resistente all’abrasione. Indicato per la manutenzione di parquet, scale, manufatti interni in legno usurato da graffi e calpestio. www.lineabluvernici.it

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *