Costruzioni fai da te

Cubi di legno fai da te | Recupero di vecchie sedute

0
cubi di legno
 

Questi cubi di legno non sono concepiti per un impiego particolare, ma possono tornare utili in diverse occasioni: si può comporre uno scaffale provvisorio o utilizzarli come singoli sgabelli

Questi cubi di legno sono realizzati per mezzo dei telai recuperati da vecchie sedute di faggio con le giunzioni angolari ancora in buono stato.

I telai misurano 400×400 mm: non vale la pena smontarli per recuperare listelli che risulterebbero un po’ corti per qualsivoglia costruzione; meglio pensare a come impiegarli così come sono limitandosi a una levigatura sommaria delle superfici. 

cubi di legno

Una volta liberati dalla vecchia imbottitura, si sono rivelati l’ideale per realizzare i cubi in legno. Unendo i telai con viti a passo metrico e dadi si possono comporre le strutture a forma di cubo e completarle con un piano in multistrato da 10 mm tagliato a misura.

cubi di legno

Come utilizzare questi cubi di legno? Come sgabelli, scaffali improvvisati o per qualunque altro utilizzo creativo.

Rimozione delle imbottiture

Le vecchie sedute vanno private del tessuto di rivestimento, dell’imbottitura e delle cinghie elastiche.
L’operazione più fastidiosa è la rimozione dei punti metallici, circa 150 per ogni seduta: bisogna cercare di sollevarli senza ammaccare il telaio nel fare leva e facendo attenzione che la parte conficcata non strappi le fibre.

I telai dei cubi di legno

cubi legno
Si levigano le superfici per portare a vista il legno nuovo; i fori dei punti andrebbero stuccati, ma qui si sceglie di non farlo per lasciar intuire che si tratta di un riciclo.
cubo legno
La struttura di ogni cubo di legno è costituita da 4 telai assemblati a correre, uniti con 8 viti M6x70 mm inserite dall’esterno in prefori Ø 6,5 mm, svasati per incassare la testa, e bloccate dall’interno con relativi dadi.

Finitura cubo legno

I pannelli di truciolare si fissano alla struttura con 4 viti da legno di adeguata lunghezza.

cubi di legno

Sempre in regime di recupero, per la finitura si utilizza quello che è disponibile in laboratorio tra le rimanenze, in questo caso un protettivo all’acqua in tonalità noce chiaro.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *