Home / Fai da te / Costruzioni fai da te / Esterni / Segnavento fai da te
segnavento fai da te
segnavento fai da te

Segnavento fai da te

 

Questo segnavento fai da te a forma di aeroplano si orienta nella direzione del flusso d’aria indicandone la provenienza mentre l’elica consente di rilevarne la velocità

segnavento fai da te, costruire un segnaventoUn’idea utile quella di un aeroplanino segnavento fai da te. Anche nelle peggiori giornate, con un’occhiata da dietro i vetri di casa, possiamo renderci conto di quanta aria ci sia fuori e, soprattutto, da quale parte stia soffiando.

Uno dei punti cardine del progetto risiede nell’ottenimento della necessaria scorrevolezza delle parti in movimento; pertanto, sia l’aereo sia l’elica, dovranno avere una massa contenuta.

Questo spiega l’utilizzo di compensato sottile per la costruzione della fusoliera, invece di ricavarla da un singolo pezzo pieno, nonché l’impiego della balsa per parte delle ali.

Il punto di partenza per costruire un segnavento fai da te

E’ quasi come se si dovesse montare un aeromodellino solo che in questo caso, non dovendolo far volare veramente, dato che diventerà un segna vento disegniamo con una certa libertà il profilo delle ali e delle varie parti della zona centrale. Teniamo solo conto che nel troncone di coda della fusoliera è meglio tracciare linee rette per ottenere la giusta collimazione degli spigoli al momento dell’unione dei quattro lati.

Facciamo una prova con il cartone realizzando quindi delle dime, utilissime in questo caso per segnare correttamente i pezzi da tagliare e non trovarsi a doverne rifare di sbagliati. Alcune parti sono formate da due strati di legno sovrapposti: per ali e piani di coda, al foglio di compensato da 6 mm uniamo quello di balsa da 8 mm, mentre per il timone di coda incolliamo due pezzi identici di compensato. L’asta di sostegno alloggia ad una delle due estremità del sistema di giunzione con l’aereo.

Il giunto ha anche la funzione di consentire la libera rotazione sul piano orizzontale. Per ottenere il duplice effetto, utilizziamo due supporti per rotelle girevoli di cui si impiegano entrambe le sedi in teflon, una ancorata all’aereo ed una al bastone, ed uno solo dei due perni. Per la direzione dei punti cardinali facciamo due fori al bastone da 30 mm di diametro: uno a circa 200 mm dall’estremità superiore, uno 30 mm più in basso, esattamente perpendicolare al primo.

Inseriamo nei fori i tondini di alluminio, li fissiamo con colla e terminiamo le estremità con 3 cubetti (lato 20 mm) ed il cono (diametro 20mm). Posizionata l’asta nel terreno ed orientata con la bussola, vi alloggiamo l’aereo. Ora individuiamo il punto più basso della carlinga ed operiamo un foro di uscita dell’acqua per le giornate di pioggia.

Progettare un segnavento in legno a forma di areoplano

aereo in legno progetto

Cosa serve per costruire un segnavento fai da te:

  • Fusoliera: abete (1 listello da 95x70x160 mm; 1 da 40x54x70 mm); compensato 6 mm (1 pezzo da 365×54 mm; 1 da 340×54 mm; 2 da 580×95 mm)
  • Parti alari: compensato da 6 mm (1 pezzo da 700×140 mm; 1 da 100×260 mm; 2 da 130×135 mm); balsa da 8 mm (1 pezzo da 1000×100 mm)
  • Elica: betulla (1 foglio da 2 mm 170×180); coni di abete (2 pezzi Ø 30×30 mm); abete (3 barre tonde Ø 6 mm lunghe 14 mm);
  • 1 vite acciaio inox testa cilindrica M5x50 mm;
  • tubetto d’ottone Ø esterno 6, lungo 14 mm;
  • 4 rondelle inox 5,3×15 mm
  • 2 tondini di alluminio Ø 8 mm, lunghi 350 mm, per il sostegno dei punti cardinali;
  • 1 listello di abete 20×20 mm da cui ricavare 3 cubi lato 20 mm;
  • 1 bastone in abete Ø 30 mm lungo1600 mm per fare il sostegno;
  • 2 attacchi per rotelle girevoli Ø 13 mm;
  • fondo e vernice;
  • colla resistente all’acqua

  1. Il foro per il perno dell’elica deve essere perfettamente in asse con il pezzo; pertanto va fatto con il trapano a colonna e prima di qualsiasi altra lavorazione sulla faccia opposta.
  2. Le smussature e le scanalature laterali vanno dapprima segnate a matita considerando anche lo spessore di 6 mm del compensato. Poi si interviene con il seghetto e con la levigatrice o, se disponibile, la combinata.
  3. Nella fase successiva iniziano le operazioni di disegno e taglio dei fogli di compensato e balsa che serviranno per montare ali e fusoliera; il traforo elettrico si rivela molto utile nell’eseguire i numerosi tagli curvilinei.

Come costruire un’elica

  1. le pale dell’elica, con forma elissoidale, hanno il lato lungo di circa 170 mm e quello corto di 60. Lo spessore è di soli 2 mm. Dopo il taglio abbiamo smussato il loro profilo eliminando gli spigoli vivi.
  2. i perni di attacco delle pale terminano da una parte con una scanalatura di blocco e dall’altra si innestano nel mozzo dell’elica. Per una buona riuscita, segniamo in testa il tondino per lo spessore di 2 mm; stabiliamo la lunghezza della scanalatura, quindi erodiamo il perno con il traforo. Infine lo tagliamo in modo che la parte libera entri tutta nella sede del mozzo.
  3. per il mozzo dell’elica tagliamo un dischetto di 14 mm dal bastone di Ø 30 mm. Il compasso ci permette di segnare i tre fori equidistanti l’uno dall’altro. Pratichiamo un foro, al centro del mozzo, per la sede del distanziale da 14 mm ricavato dal tubetto di ottone.
  4. fatti i quattro fori nel mozzo con il trapano a colonna, uniamo le parti dell’elica con la colla e diamo ad ogni singola pala un’inclinazione di 45° rispetto al piano di rotazione. L’entità della calettatura delle pale consente all’elica di ruotare in presenza di vento.
  5. il perno dell’elica è formato dalla vite in acciaio inox a testa cilindrica che incolliamo nell’apposito alloggiamento ricavato alla base del cono in abete. Una volta essiccata la colla passiamo alla stesura del fondo ed alla coloritura.
  6. fissaggio dell’elica: avvitiamo nel legno l’asse dell’elica, mettendo quattro rondelle, due prima e due dopo il mozzo, lasciando sufficiente lasco per consentire una fluida rotazione.

  1. montaggio della fusoliera: la fase iniziale dell’incollaggio delle parti tagliate è un momento delicato. Fissati i fianchi al blocco pieno frontale vanno fatti collimare verso la coda mantenendoli uniti al pezzo di carlinga superiore ed inferiore.
  2. a colla essiccata eliminiamo con la levigatrice eventuali sporgenze ed attenuiamo gli spigoli vivi con una passata di carta vetrata n.120.
  3. la struttura alare necessita di un maggior spessore. Sulla base, costituita da un pezzo unico, incolliamo le due semiali in balsa in modo da lasciare al centro lo spazio preciso per incastonare la fusoliera. Il profilo superiore dell’ala va poi arrotondato con la levigatrice.
  4. Il segnavento fai da te ha preso forma: i morsetti stringono alla fusoliera le ali, i piani orizzontali ed il timone di coda. Abbiamo posizionato un listello sul posto di guida in modo da distribuire debitamente la forza dei morsetti che vanno a premere in una zona un po’ delicata.

  1. il momento più delicato: fare l’alloggiamento per il dispositivo di giunzione al centro dell’asta di sostegno, è sicuramente un passaggio difficile, in quanto il foro da 13 mm deve essere perfettamente in asse con l’asta.
  2. l’alloggiamento del dispositivo di giunzione è più semplice: in corrispondenza del tozzetto di rinforzo messo appositamente all’interno, troviamo il punto di equilibrio dell’aeromobile e pratichiamo un foro da 13 mm. La femmina del perno è tenuta in posizione da due viti.

La verniciatura del legno è preceduta dalla classica mano di fondo. Considerando l’esposizione alle intemperie del nostro manufatto abbiamo fatto penetrare bene, sia il fondo sia la tinta finale, anche all’interno della carlinga, in modo da preservarlo il più a lungo possibile.

Segnavento fai da te ultima modifica: 2018-04-27T11:37:15+00:00 da Redazione Bricoportale

6 commenti

  1. Veramente eccezionale e molto ben spiegato

     
  2. Molto simpatico, mi piacerebbe poterlo installare sul terrazzo della mia mansarda.
    Desidero sapere come posso acquistare la confezione del kit dei pezzi per il montaggio, con la relativa spesa.
    Dato che non ho esperienza in merito, vorrei farlo pervenire a mio figlio, per farlo costruire da lui, coinvolgendo nel lavoro anche il mio nipotino.
    Nel ringraziare per la cortese attenzione, mi pregio di inviare i miei più distinti saluti ed Auguri Pasquali.
    Mario Iurzan.

     
    • Buongiorno Mario,

      Non si tratta di un kit con pezzi pretagliati da assemblare, ma di una costruzione fai da te partendo da 0. Non è molto difficile da realizzare e la nostra guida risulta piuttosto chiara. Crediamo possa essere un’ottima palestra per avvicinare suo figlio al fai da te, magari costruendolo insieme. Aguri anche a lei!

      Cordiali saluti

       
  3. Buongiorno,BELLISSIMO!!!!
    E’ possibile avere i disgni in pdf in scala dei vari pezzi dell’aereo?
    Grazie

     
  4. Fertdinando Contini

    per cortesia si possono avere le misure complete?
    Dal disegno non si evincono le misure del piano di coda e della fusoliera.
    Grazie

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *