Cavalletto bici fai da te | Guida alla realizzazione

Scegliendo accuratamente il materiale necessario fra gli scarti di altre lavorazioni, si costruisce un cavalletto bici fai da te, utilissimo per gli interventi di manutenzione alle biciclette in piena comodità

Per la costruzione del cavalletto bici fai da te si useranno vari tubolari d’acciaio, prevalentemente a sezione quadra e di misure adeguate per poter essere inseriti l’uno nell’altro, per poter smontare e rimontare l’attrezzo e fare le regolazioni del caso in altezza e sbraccio della ganascia. Nel corso della realizzazione è venuta anche l’idea di usare lo stesso sostegno centrale per farne un altro utilizzo; quindi è stato realizzato un accessorio rulliera per il sostegno dei pezzi in lavorazione nel laboratorio.

Costruire un cavalletto bici: realizzazione del sostegno

La colonna centrale è costituita da un tubolare quadro 40×40 mm, spessore 2 mm, al quale si uniscono con saldatura a filo continuo i tre rami iniziali che permettono l’inserimento dei lunghi piedi amovibili. Questi spezzoni iniziali hanno sezione 25×25, spessore 2 mm. Vista da sotto, la giunzione mostra come siano stati uniti fra loro, con angolo di 120° e poi saldati alla colonna centrale.
Ad altezza opportuna, sui fianchi della colonna centrale si saldano 3 spezzoni di tubolare 25×25 mm, in modo da realizzare le sedi per sistemare i piedi, quando il cavalletto bici fai da te viene smontato, dopo l’utilizzo.
I piedi sfilabili sono realizzati con tubolare a sezione quadrata 20×20 mm. A un’estremità di ognuno si salda , di piatto, un corto segmento di tubo Innocenti, a mo’ di piedino.

Braccio orizzontale con ganasce

Le ganasce per il bloccaggio delle bici devono essere molto robuste; ognuna è formata unendo un pezzo di piatto 40×50 mm, spesso 10 mm, a un segmento di angolare 25×25 mm lungo 100 mm. Una delle due è fissa, saldata a 90° con un pezzo di piatto di medesimo spessore e poi all’estremità del tubo che costituisce il braccio orizzontale.
Al centro delle due piastre che formano le ganasce si fanno fori passanti; nella prima è più largo, mentre nella seconda è di diametro calibrato per la filettatura a passo metrico M8, utile per attuare il serraggio con il galletto.

Tanti galletti per i vari serraggi

Tagliati a misura alcuni spezzoni di tondino Ø 8 mm, si montano sul mandrino del trapano e si fanno ruotare per arrotondarne le estremità con la levigatrice a nastro.
Le barrette così ottenute si saldano sulla testa dei bulloni M8 e M10 realizzando la serie di galletti necessari per bloccare i 3 piedi, la colonna telescopica e la testa snodata.

Finitura a spruzzo

I vari pezzi che costituiscono il cavalletto bici fai da te, smontati e tolti i galletti dalle sedi, sono verniciati a spruzzo, con una vernice gialla a rapida essiccazione, stesa in più mani. I galletti sono verniciati a spruzzo, ma con bomboletta spray di colore nero.

Richiudibile e con doppia funzionalità

Il cavalletto bici fai da te smontato, con i piedi inseriti nelle sedi lungo la colonna telescopica, sta in piedi da solo e occupa poco spazio; a fianco i due attrezzi intercambiabili che permettono di usarlo come reggibicicletta o come rulliera reggipezzo da laboratorio.

La colonna telescopica permette di alzare la bicicletta all’altezza più comoda per lavorare, mentre il braccio orizzontale, oltre alla profondità, può essere anche inclinato per bloccare la bici in qualsiasi posizione.

Nel caso dell’uso come rulliera da laboratorio l’ampia possibilità di regolazione in altezza della colonna telescopica permette di trovare sempre la quota giusta per ogni evenienza e dare supporto perfettamente orizzontale ai pezzi in lavorazione.

Dettagli del tubo telescopico e del braccio

La parte terminale della colonna telescopica, dove si inserisce l’accessorio reggibicicletta, vede uniti un tubolare a sezione tonda (Ø 40 mm) con il tubolare quadro (40×40 mm), mediante la sovrapposizione di un manicotto a sezione quadra 45×45 mm, lungo 40 mm.
Per evitare che si rovini la vernice delle biciclette, quando bloccate sulle ganasce, si fissano al loro interno, con adesivo di montaggio, due ritagli di imbottitura da pianale recuperata da un’automobile rottamata.

Progetto di Franco Gasparrini

Articoli simili

- Annunci -

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tutorial Fai da te

Le guide di Almanacco

Progetti dei lettori

176,107FansLike
8,265FollowersFollow
97,382FollowersFollow
40,000SubscribersSubscribe