Oggetti decorati

Lavorare la porcellana

0
lavorare la porcellana
 

È possibile lavorare la porcellana utilizzando i composti reperibili nei negozi di belle arti, possiamo provare a creare semplici oggetti in porcellana, come per esempio una bambola. Di seguito è illustrato come realizzare la testa.

Preparato un modello di plastilina (un po’ più grande, circa il 14% dell’oggetto che si vuole ottenere) gli si cola attorno del gesso, ottenendo due semistampi con un foro nel quale si cola l’impasto semiliquido di porcellana fino a riempire la cavità interna. Si può ottenere una testa “piena” oppure una testa “cava”.

Nel primo caso gli occhi si disegnano con lo smalto, nel secondo caso si possono inserire nelle cavità gli occhi di vetro per bambole. A porcellana asciutta, prima dell’inserimento in forno, si fanno gli eventuali ritocchi. La cottura richiede una temperatura molto elevata, seguita da un periodo di raffreddamento. Si conclude con la colorazione, seguita dalla ricottura di fissaggio.

È utile sapere che:

  • La porcellana è un particolare tipo di ceramica i cui componenti sono il caolino al 50%, il quarzo al 25% e il feldspato al 25%.
  • Nei negozi specializzati si trovano, già pronti, stampi di vario tipo per la realizzazione di oggetti diversi.

Cosa serve per lavorare la porcellana

  • Stampo in plastilina, gesso
  • Impasto per porcellana
  • Forno elettrico per ceramica e terracotta
  • Cutter, pennelli, smalti per ceramica
  • Occhi di vetro, parrucca, colla a contatto

Tempo richiesto: 15 ore.

  1. Versare la porcellana liquida nello stampo

    Chiuso lo stampo, versiamovi dentro la porcellana liquida, impasto di caolino e additivi, fino a livello e lasciamo riposare. Il tempo d’attesa dipende dalla temperatura e dall’umidità.

  2. Svuotiamo l’eccesso di liquido

    Svuotiamo lo stampo facendo colare l’impasto dal foro. Una piccola parte dell’impasto rimane all’interno, solidificato in uno strato sottile che riveste le pareti dello stampo. Otteniamo una “testa cava”.

  3. Rimozione dell’oggetto dallo stampo

    Quando siamo sicuri che lo strato interno di porcellana si è perfettamente asciugato e indurito, apriamo molto delicatamente lo stampo ed estraiamo l’oggetto, che ha assunto la forma voluta.

  4. Cottura dell’oggetto

    Introduciamo la testa nel forno elettrico per ceramiche. La cottura richiede una temperatura molto elevata, attorno ai 1200 °C, seguita da un periodo di raffreddamento. In tutto circa 10-12 ore.

  5. Colorazione dell’oggetto

    La cottura rende la porcellana pronta a ricevere l’eventuale colorazione, a tampone o a pennello, con smalti che poi vanno ricotti, ma a temperatura meno elevata (circa 800 °C).

  6. Eventuale inserimento di dettagli

    Se è previsto l’inserimento di occhi mobili, da incollare all’interno della testa bisogna aprire sul capo un foro che permetta di introdurli.

  7. Completamento

    La parrucca, accuratamente divisa da una scriminatura e lavorata a trecce “alla paesana”, viene incollata sulla testa della bambola.

Per ottenere colorazioni di ceramiche e porcellane più particolari rimandiamo all’articolo Colorare porcellana e ceramica.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *