Restaurare mobili

Restauro di una cassapanca

0
 

Per il restauro di una cassapanca è stata adottata una speciale tecnica detta “cerusé”, realizzata con della cera bianca e un panno morbido

Per l´intervento di bricolage che permette di inserire questa elaborata cassapanca in un ambiente moderno e luminoso è stata utilizzata la tecnica “cerusé”, per valorizzare le venature del legno riempiendole con una cera, solitamente bianca, lasciando sul resto della superficie un lieve effetto trasparenza.
Il procedimento fai da te si sviluppa su una fase preparatoria per rendere lievemente scabre e incavate le venature più evidenti del legno, affinché assorbano la prima colorazione.
Questa può essere fatta con tinte colorate e seguita da una mano di cera colorata e di una finitura con cera incolore. In questo caso specifico la cassapanca è stata trattata solo secondo il cerusé tradizionale, che prevede l’utilizzo di cera bianca anziché quella colorata. La cera si stende facilmente con un panno perché morbida e cremosa, quindi di facile applicazione.
Poi si asporta le cera con un panno in modo che rimanga solo quella penetrata nelle venature e e, quanto il tutto è asciutto, si tratta la superficie con una cera incolore.

LA PREPARAZIONE

  1. Con la spazzola di ottone con setole morbide  eseguiamo un’accurata spazzolatura di tutta la superficie del mobile, seguendo sempre il senso delle venature. Questo trattamento consente di aprire bene i pori del legno. 
  2. Durante la fase preparatoria si produce parecchio polverino che eliminiamo accuratamente con un panno o un pennello, o meglio ancora con un aspiratore. Tutta la superficie deve risultare perfettamente pulita. 
  3. Pima di passare alla finitura approntiamo un’efficace azione preventiva di protezione antitarlo applicato a pennello su tutto il mobile e, nei punti più difficili, utilizziamo una siringa o lo spray specifico antitarlo.

LE RIFINITURE

  1. Stendiamo la cera bianca in abbondanza per permettere una migliore penetrazione nei pori del legno. Con un panno morbido eseguiamo movimenti circolari iniziando dalla parte superiore della cassapanca.
  2. L’ asportazione della cera in eccesso va eseguita entro 10 minuti per evitare che si secchi troppo rendendo difficile l’operazione. Con una spazzola per mobili eliminiamo la cera che non è penetrata nelle venature.
  3. Dopo aver asportato la cera bianca diamo una passata di cera incolore che nutre e protegge il mobile. L’ultima finitura consiste nel lucidare tutta la superficie della cassapanca con una spazzola per mobili.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *