Dissaldare componenti elettronici | Cosa c’è da sapere

Separare due pezzi saldati è facile, ma occorre dissaldare e quindi ripulirli dallo stagno

Gli appassionati di elettronica sanno bene che dalle schede degli apparecchi non più funzionanti si possono recuperare molti componenti utili per nuovi circuiti: per farlo bisogna dissaldare quest’ultimi dalla loro posizione, in modo che i piedini o gli zoccoli risultino il più possibile ripuliti dalle tracce di stagno.

Dissaldare componenti elettronici

In pratica dissaldare significa effettuare una saldatura al contrario: si ammorbidisce lo stagno con il saldatore, senza premere, e con l’altra mano lo si “aspira” con il dissaldatore prima che solidifichi nuovamente.

Il dissaldatore è conosciuto anche come “succhiastagno”, ha l’aspetto di un pennarello e, nella sua forma più comune, contiene un piccolo stantuffo che prima dell’utilizzo va spinto all’interno, in modo da poter aspirare lo stagno tirandolo all’esterno; l’azionamento può essere manuale, come una classica pompetta, o a molla.

Dissaldare componenti scheda madre

Non sempre però la dissaldatura è un’operazione semplice e scontata: le leghe di saldatura non sono tutte uguali e in alcuni casi sono difficoltose da rimuovere. Può essere utile far colare sulla saldatura una goccia di stagno in modo da inglobarla in essa e, riscaldando una seconda volta, riuscire ad aspirare l’intera massa. Per rimuovere alcune saldature da circuiti stampati è possibile ricorrere a una pistola ad aria calda, regolata su temperature opportune e munita di ugelli appositi.

Si attende che la punta del saldatore sia ben calda e la si porta a sfiorare la saldatura da eliminare; nell’altra mano bisogna avere il dissaldatore già pronto per aspirare lo stagno appena si liquefa e passa da opaco a lucido.
Se lo strumento è del tipo a molla, basta premere il pulsante e lo stantuffo viene richiamato all’indietro con uno scatto, generando all’interno la depressione necessaria ad aspirare lo stagno attraverso il foro in punta.
Lo stagno indurisce quasi istantaneamente all’interno del puntale, ma senza occludere il foro: si possono perciò dissaldare più contatti prima di svitare il puntale e scaricare i residui sottoforma di palline.
Fixpoint 51200 Pompa Dissaldante
  • Rimozione profonda di vecchi punti di saldatura grazie all'elevata capacità di aspirazione
  • 1 pezzo in blister
  • Struttura in metallo
Offerta
MKC Spina italiana per dissaldatore a stilo in gel WS-211 40W 230V
  • Dissaldatore con aspiratore per laghetto
  • potenza 40 w
  • Tensione 230 Vac
  • colore blu
  • Lascia riscaldare il dissaldatore per 10 minuti. Spingi la leva fino in fondo come mostrato sulla confezione del prodotto. Punta più vicino alla parte che vuoi saldare. Premi il pulsante come indicato sulla confezione del prodotto
STAZIONE ZD-939L SALDANTE DISSALDANTE ARIA CALDA NUOVO 2 INTERRUTTORI SALDATORE DISSALDATORE SMD in omaggio estrattore
  • NUOVO MODELLO 2 INTERRUTTORI E FUNZIONE SALVA STILO
  • TEMPERATURA REGOLABILE A DISPLAY E CONTROLLO TEMPERATURA
  • STAZIONE PROFESSIONALE, ARIA CALDA REGOLABILE DA POTENZIOMETRO
  • 4 UGELLI GIà IN DOTAZIONE E + DI 20 OPTIONAL
LAFAYETTE D.I.3
  • Cartuccia aspirante di facile installazione e rimozione
  • Punta in lega speciale resistente nel tempo
  • Muovere il dissaldatore in modo circolare fino a che la saldatura é sciolta completa mente e quindi premere il pulsante per aspirare lo stagno
Offerta
Fixpoint 51204 Pompa Dissaldante Alta Qualità
  • Rimozione profonda di vecchi punti di saldatura grazie all'elevata capacità di aspirazione
  • Grazie alla punta dissaldante lunga e sottile è possibile lavorare anche su circuiti stampati di piccole dimensioni
  • Senza rinculo e autopulente

Articoli simili

- Annunci -

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tutorial Fai da te

Le guide di Almanacco

Progetti dei lettori

176,031FansLike
8,259FollowersFollow
97,382FollowersFollow
40,000SubscribersSubscribe