Installazioni

Collettore solare: come installarlo

0
collettore solare
 

Il collettore solare con pannelli a “circolazione naturale”, cioè quello che presenta il serbatoio immediatamente sopra di esso, si può installare sia sul tetto sia su un terrazzo sia a terra, con un’apposita intelaiatura di sostegno.

La realizzazione di un impianto solare può basarsi sull’utilizzo di kit completi, offerti in varie configurazioni, portate e potenzialità, da diverse case produttrici. Nella versione base, il pannello riscalda (tramite un ciclo chiuso) l’acqua di un serbatoio d’accumulo (boiler), in genere riscaldato anche da una caldaia esterna. L’acqua calda viene prelevata per l’utilizzo sanitario dal boiler, mentre il circuito del pannello è sigillato.

Il montaggio dei pannelli sulle falde del tetto viene notevolmente facilitato dall’utilizzo di speciali telai adattabili a diverse inclinazioni e regolabili a varie dimensioni. Ulteriori dotazioni accessorie come ganci sagomati con tassello, barre di scorrimento, morsetti e profili di vario tipo consentono di effettuare il montaggio in situazioni diverse.

Cosa serve per installare un collettore solare

  • Kit completo per l’installazione di uno o più collettori solari termici
  • Tubazioni, raccorderia, intelaiatura di sostegno
  • Attrezzatura per idraulica

Tempo richiesto: 1 giorno.

  1. Visione d’insieme

    I pannelli che formano il collettore solare sono collegati in serie tramite raccordi. Il fluido contenuto circola al loro interno e nella serpentina del serbatoio. L’insieme viene collocato su un’intelaiatura.

  2. Accertamenti prima del montaggio

    Prima del montaggio è necessario accertarsi che tutti i componenti, l’intelaiatura e la raccorderia siano disponibili. L’angolazione del telaio va calcolata in funzione del luogo di installazione.

  3. Assemblaggio dell’intelaiatura di sostegno

    Nel caso di un montaggio a terra o su un terrazzo dobbiamo inizialmente assemblare l’intelaiatura di sostegno. Per il montaggio su un tetto dobbiamo predisporre le barre metalliche di fissaggio alla falda.

  4. Colleghiamo i singoli pannelli

    Utilizzando la raccorderia colleghiamo tra loro i singoli pannelli e questi al serbatoio. Al loro interno si immette un fluido che trasporta il calore dai pannelli alla serpentina che scalda l’acqua.

Orientare i pannelli

I tre schemi riportati a lato, uguali nella parte impiantistica, raffigurano la posizione del pannello su tetti di diversa inclinazione e con serbatoio di accumulo esterno o nel sottotetto. L’orientamento per sfruttare al meglio il sole è sud-sud est, tenendo presente le ombre causate da alberi o case nei dintorni: per questo è importante, durante il giorno, verificare l’insolazione del tetto soprattutto in inverno.

  1. In una casa con tetto a terrazzo, il pannello viene inclinato di 45° con opportuno supporto. Il serbatoio si colloca dietro il pannello.
  2. Su un tetto di pendenza contenuta (20-25°) è ancora necessario un supporto.
  3. Per tetti con angolazione oltre i 30° il pannello può essere collocato sul piano del tetto senza supporto. In questo caso il serbatoio può anche essere inserito nel sottotetto.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Installazioni