Pavimentazione esterna

Cavi scioglineve | Come si installano e perché sono utili

2
Cavi scioglineve
Cavi scioglineve
 

L’installazione di cavi scaldanti facilita l’accesso a rampe e viali in caso di forti nevicate

cavi scaldantiI cavi scioglineve per esterni permettono di realizzare un vero e proprio riscaldamento a pavimento per evitare formazioni di neve o ghiaccio su tratti soggetti a percorrenza pedonale o carrabile; anziché trattarsi di tubi entro i quali scorre un fluido, come in quasi tutti i sistemi da interno, si tratta di conduttori elettrici rivestiti, solitamente assemblati in tappetini, ma disponibili anche singolarmente per il montaggio diretto alla rete elettrosaldata, prima della pavimentazione definitiva. Il riscaldamento  con cavi scioglineve deve inserirsi solo se è necessario, tramite un termostato che ne comanda il funzionamento esclusivamente in un intervallo di temperatura esterna prefissato.

Cosa bisogna sapere circa i cavi scioglineve:

  • Il cavo scaldante è premontato su un tappetino pronto per l’installazione, completo di 10 m di cavo freddo di alimentazione. è costituito da due conduttori in lega di rame con isolamento in XLPE (polimero reticolato), completo di conduttore di terra e rivestimento esterno in PVC a elevata resistenza meccanica e impermeabile.
  • La scelta del sistema più idoneo avviene in funzione della potenza massima disponibile, della lunghezza del tratto, dell’ubicazione geografica e del tipo di frequenza e di traffico. Normalmente per un’abitazione privata occorre una potenza compresa tra 180 e 250 W/m2. Se la rampa è carrabile non occorre riscaldare tutta la larghezza, bastano due strisce abbastanza larghe e distanziate (traccia ruota) da consentire il transito dei veicoli.

Ottimi cavi scaldanti sono quelli della Raytech

Profondità e potenza variabili dei cavi scioglineve

zone di applicazione dei cavi scaldanti

Come installare i cavi scaldanti scioglineve

come si applicano i cavi scioglineve

  1. Per mantenere libero lo spazio pedonabile si utilizza un cavo scaldante in rotolo anziché a tappetino. Si ricoprono circa 2/3 della rampa, completando poi il percorso con un cavo rettilineo laterale.
  2.  Viene quindi realizzato il massetto di cemento, spesso quanto basta a ricoprire il cavo riscaldante. Si attende l’asciugatura, poi con la manara dentata si stende la colla per la posa della pavimentazione.
  3. Sottili tasselli in porfido premontati su rete con disposizione a ventaglio si posano al centro della rampa; le porzioni laterali vengono rivestite in un secondo tempo, tagliando via la parte eccedente.
  4. Il sensore esterno va installato nel punto più ombroso e freddo del percorso e rimane a filo della finitura. Il rivestimento nasconde qualsiasi altra presenza dell’impianto di riscaldamento.

Il sensore di neve

sensore neve

  1. L’alloggiamento del sensore che rileva temperatura e umidità viene predisposto in modo che questo possa rimanere in prossimità della superficie, tra i tubi riscaldanti, perfettamente livellato.
  2. La superficie attorno al sensore viene raccordata e livellata con cemento. Il segnale viene inviato a una centralina che comanda l’accensione dell’impianto riscaldante quando è necessario.

Guarda il video sull’applicazione dei cavi scaldanti

Vedi anche

2 Commenti

  1. vorrei realizzare il riscaldamento di una rampa della lunghezza di mt 15 circa quanto cavo devo comprare? e quanto costa? Mi occorre anche il sensore e la centralina.

     
    1. Buongiorno Mario,

      Non vendiamo direttamente i cavi scaldanti. Le consigliamo di contattare direttamente il produttore Raytech a questo indirizzo: RAYTECH S.r.l. • Via Enrico Fermi, 11/13/17 • 20019 Settimo Milanese (MI) Italy • Tel.: +39 02 33500147 http://www.raytech.it

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *