Elettricità

Faretti da incasso: scelta, installazione e tipologie

0
faretti da incasso
faretti da incasso
 

I faretti da incasso rappresentano una fonte di illuminazione moderna, versatile e sicura, considerato il loro basso voltaggio e la scarsa emissione di calore

L’intercapedine necessaria per contenere l’impianto elettrico è di pochi centimetri, pertanto si può costruire un’intelaiatura fissata direttamente alla muratura, alla quale si avvitano le lastre di cartongesso forate per alloggiare i faretti fa incasso.

La controsoffittatura necessaria

In questo modo si realizza una controsoffittatura dotata di numerosi punti luce. L’impianto va preparato diramando i cavi per ogni faretto da incasso dalla fase dal trasformatore.

Nessun problema per il loro fissaggio, in quanto sono già predisposti per essere bloccati con clip, alette metalliche o anelli di chiusura.

Faretti da incasso schema elettrico

schema elletrico faretti incassati

L’impianto elettrico si avvale di collegamenti singoli: i cavi per ogni faretto partono dai morsetti di uscita del trasformatore a sua volta collegato alla rete.

Come si installano dei faretti da soffitto

All’intelaiatura si bloccano i cavi dei collegamenti elettrici per mezzo di chiodini fermafilo, senza ricorrere a canaline.

Prima di fissare i pannelli di cartongesso all’intelaiatura di supporto, si tracciano gli interassi e le giuste distanze tra le sedi per l’alloggiamento dei faretti; si praticano i fori utilizzando una sega a tazza.

Per fissare le lastre da 10-12 mm di spessore si possono utilizzare viti la cui testa va incassata leggermente per essere poi stuccata, insieme alle giunzioni.

Per effettuare i collegamenti elettrici senza difficoltà, conviene lasciar fuoriuscire dal cartongesso una porzione abbondante di cavo, che viene occultata successivamente all’interno del controsoffitto.

 

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Elettricità