Home / Ristrutturare casa / Lavori in casa / Idraulica / Caratteristiche di un impianto di adduzione nei dettagli
impianto di adduzione

Caratteristiche di un impianto di adduzione nei dettagli

 

Caratteristiche e peculiarità dell’impianto di adduzione

riduttore di pressioneL’impianto idraulico è costituito da diversi tipi di tubazioni: quelle di adduzione sono di diametro relativamente ridotto e adatte a sopportare la pressione, mentre quelle di scarico sono di grande diametro. L’acqua potabile dell’acquedotto arriva alle case tramite una tubazione interrata, attraversa un contatore, quindi trova la valvola di intercettazione che consente di interrompere l’afflusso dell’acqua per effettuare riparazioni o modifiche.

Nell’abitazione si diramano le tubazioni che terminano alle varie utenze e alla centrale di produzione di acqua calda sanitaria per alimentare il circuito di riscaldamento. I tubi, nelle moderne costruzioni, corrono all’interno delle pareti, tutti debitamente coibentati: quelli dell’acqua fredda per non dare luogo a fenomeni di condensa; quelli dell’acqua calda per evitare inutili dispersioni di calore.

Cosa bisogna sapere circa l’impianto di adduzione

  • Se la pressione di alimentazione è troppo alta conviene installare un riduttore di pressione che permette il mantenimento di una pressione stabilita, impostata tramite una vite o una manopola di regolazione.
  • Il secco rumore, detto “colpo d’ariete”, causato dal brusco arresto della colonna d’acqua all’interno della tubazione di adduzione, si può eliminare montando, il più vicino possibile al rubinetto o all’elettrodomestico che causa il problema, un piccolo vaso di espansione.

Quali materiali vengono utilizzati nella progettazione di un impianto di adduzione?

  • Tubi d’acciaio
  • Tubi di polietilene
  • Tubi di polietilene reticolato
  • Tubi di rame
  • Tubi di polipropilene
  • Tubi multistrato

Tubi d’acciaio

tubi di acciaio

Questi tubi sono oggi meno utilizzati che in passato per gli impianti civili grazie all’avanzare dei sistemi di materiale plastico. Trovano applicazione nelle parti esterne degli impianti gas e antincendio.

Tubi di polietilene

Tubi di polietilene

Sono utilizzati per adduzione di acqua fredda (le alte temperature ne provocherebbero il rammollimento). Sono impiegati in un ambito molto vasto che va dall’acqua sanitaria fredda all’irrigazione.

Tubi di polietilene reticolato

polietilene reticolato

A differenza del polietilene nero, possono essere utilizzati anche nel trasporto di acqua calda grazie alla particolare reticolatura. Temono i raggi solari, quindi devono essere protetti dalla luce.

Tubi di rame

tubi di rame

Sono utilizzati nell’adduzione di acqua sanitaria calda o fredda, negli impianti di riscaldamento e climatizzazione (rivestiti di idonei isolanti), nel trasporto di gas. Possono essere nudi o rivestiti di PVC.

Tubi di polipropilene

Tubi di polipropilene

La caratteristica più importante di questi tubi è l’alta stabilità termica. Le caratteristiche fisico-chimiche li rendono particolarmente adatti negli impianti idrotermosanitari e di adduzione di acqua calda e fredda.

Tubi multistrato

Tubi multistrato

Riuniscono i vantaggi dei tubi di metallo e di quelli di plastica, offrendo un alto grado di flessibilità e robustezza, unite a un’elevata resistenza alla pressione e alla temperatura. Sono l’ultimo ritrovato della tecnologia.

Il contatore a monte dell’impianto di adduzione

contatore dell'acqua

Il contatore analogico (sopra) registra il volume di acqua da cui viene attraversato e, grazie a una serie di ingranaggi, alberini, lancette e dischi numerati, ne consente la lettura. La lettura del contatore dell’acqua viene effettuata iniziando dal quadrante delle migliaia di metri cubi e procedendo su quelli successivi (i quadranti rossi indicano i decimali). Quelli a lettura diretta (sotto) hanno un quadrante con sette (o quattro) cifre: le prime quattro indicano i metri cubi, le rimanenti (che possono anche essere sostituite da lancette), rispettivamente le centinaia, le decine e le unità di litro.

Caratteristiche di un impianto di adduzione nei dettagli ultima modifica: 2018-08-03T10:14:19+00:00 da Laila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *