MuraturaPavimentareRivestire le pareti

Rinnovare le fughe delle piastrelle

0
 

Rinnovare le fughe delle piastrelleFughe delle piastrelle vecchie e annerite? Ecco la soluzione!

Le fughe delle piastrelle nei rivestimenti delle cucine e dei bagni possono, con il tempo, macchiarsi di unto o muffa. 
Se le piastrelle sono ancora in buono stato un fai date provvede a rinnovarle raschiando via il vecchio strato di stucco macchiato tra una piastrella e l’altra.
Non è necessario asportare tutto lo stucco, basta arrivare a scoprire una piccola parte della zona laterale della piastrella per ottenere un ancoraggio robusto. La ripulitura delle piastrelle dall’eccesso di stucco va fatta immediatamente dato che l’indurimento è molto veloce. Dopo il lavaggio con la spugna umida, quando il muro si è asciugato quasi completamente, si passa un panno asciutto per eliminare gli aloni.

 

 

 

 

 VIA TUTTI I RESIDUI


  1. Per rimuovere efficacemente il vecchio strato di stucco nelle fughe delle piastrelle, possiamo utilizzare  la lama di un cutter passata nelle fughe più volte
  2. In caso di zone particolarmente solide, possiamo optare per un minitrapano con punta diamantata. Al termine, un’accurata pulizia con l’aspirapolvere (3), rende più sicura l’adesione del nuovo stucco.

 FUGHE A PAVIMENTO

 

 

 

 

La stuccatura di una stanza inizia dall’angolo più lontano dalla porta. Lo stucco riempifughe viene venduto in polvere (nei centri bricolage) e va miscelato con acqua fino ad ottenere un impasto omogeneo e piuttosto liquido. Si stende una piccola quantità di stucco e con la cazzuola lo si tira lungo le fughe, così che riempia in modo uniforme le cavità, le fughe delle piastelle, poi si procede al primo, grossolano lavaggio con la spugna umida.

 

 

 

RIEMPIFUGHE A FRATTAZZO

  1. Con un frattazzo da intonacatore si inizia a stendere lo stucco in zone circoscritte di rivestimento, non più larghe di un paio di metri quadrati, passando più volte l’utensile fino ad ottenere un assorbimento uniforme della pasta e lasciandone sulle piastrelle il minor quantitativo possibile.  
  2. Per le pareti si impasta lo stucco con meno acqua in modo da ottenere una pasta più compatta: si evita così che coli via troppo facilmente.
  3. Con la spugna bagnata si lavano le superfici cercando di non asportare lo stucco dalle fughe. L’operazione va ripetuta fino a che le piastrelle non asciugano senza lasciare striature biancastre. Con un bastoncino si pareggia lo spessore dello stucco e se ne liscia la superficie.

UTENSILI
Cutter, scalpello, morsetta, cazzuola, secchio, fratazzo, aspirapolvere, minitrapano

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Muratura