Presa d’aria nel muro con sega a tazza contro l’umidità

Per quanto si cerchi di progettare bene una costruzione, ipotizzando ogni possibile vizio che possa creare inconvenienti futuri, si capisce solo dopo qualche tempo se i provvedimenti adottati siano più o meno efficaci. La formazione di umidità è uno dei disagi più frequenti con i quali ci si trova a combattere, proprio perché molti fattori possono determinarla; intervenire in modo risolutivo a posteriori è un problema serio e dispendioso, ma alla portata di un fai da te.

La causa è sicuramente una circolazione d’aria insufficiente in corrispondenza di una zona sottoposta ad un elevato sbalzo termico: l’aria calda incontra una zona fredda e, non trovando sfogo, forma condensa, che in breve tempo porta alla formazione di macchie umide, spore, salnitro ed efflorescenze. La soluzione consiste nel ridurre il salto termico, oppure far sì che la condensa abbia una via di fuga. Aprire alcuni fori nei muri perimetrali e mettere in comunicazione con l’esterno la zona che determinava la formazione di umidità può essere una soluzione drastica, ma sicuramente efficace.

Carotare il muro non è un lavoro complesso, tanto più che è possibile noleggiare l’attrezzatura occorrente nei centri bricolage; con seghe a tazza di grandi dimensioni si ottengono fori precisi che possono essere mascherati e protetti con una griglia. Naturalmente occorre praticare almeno un foro anche nella parete opposta a quella ammalorata. 

Come carotare un muro

Tempo richiesto: 2 ore

  1. Una guida per l’avvio

    Si fissa la guida per la sega a tazza nel punto da forare. La guida permette di iniziare la foratura evitando scivolamenti dell’utensile e va rimossa dopo aver inciso qualche centimetro di muro.

  2. Tunnel nel mattone

    Mentre si avanza bisogna di tanto in tanto fermarsi per rimuovere con punta e mazzetta il tappo che si forma ed impedisce l’aspirazione e l’avanzamento della sega a tazza.

  3. Griglia di protezione

    Completato e ripulito il foro conviene inserire uno spezzone di tubo e bloccarlo con un po’ di malta, in modo che sia stabile e permetta alle alette della griglia di protezione di aderire alle pareti. La griglia assicura un buon passaggio d’aria ed impedisce l’accesso agli animali.

Importanza della corretta posizione del foro

Quando si decide di fare un foro nel muro tramite carotatura per ridurre l’umidità, la scelta della posizione è essenziale. Non è sufficiente semplicemente forare in qualsiasi punto del muro; bisogna considerare la direzione del flusso d’aria e la gravità. Idealmente, i fori dovrebbero essere posti in alto per permettere all’aria umida di uscire e alla parte inferiore del muro per permettere all’aria fresca di entrare. Questo creerà una corrente d’aria che aiuterà a ridurre l’accumulo di umidità.

Considerazioni estetiche

Mentre l’efficacia nella riduzione dell’umidità è la priorità, l’aspetto del muro non deve essere trascurato. Una volta posizionata la griglia di protezione, si potrebbe considerare la pittura o l’utilizzo di decorazioni per integrare il foro nel design della stanza. Questo garantirà che il foro non diventi un punto focale indesiderato.

Manutenzione periodica

Anche dopo aver fatto un foro per ridurre l’umidità, la manutenzione è essenziale. Con il tempo, la griglia di protezione può diventare intasata da detriti, polvere e sporco. Una pulizia regolare garantirà una circolazione d’aria ottimale e impedirà la riformazione dell’umidità.

Monitoraggio dell’umidità post-intervento

Dopo aver creato il foro, è buona norma monitorare i livelli di umidità nella stanza per assicurarsi che la soluzione stia funzionando come previsto. L’uso di un igrometro può aiutare a tenere traccia dei livelli di umidità. Se, nonostante il foro, l’umidità rimane alta, potrebbe essere necessario valutare altre soluzioni o metodi di intervento.

Consultare un esperto

Anche se forare un muro può sembrare un’operazione semplice, in alcuni casi potrebbe essere utile consultare un esperto prima di procedere. Questo è particolarmente vero se la casa ha una struttura particolare o se si sospetta la presenza di tubature o cavi nel punto scelto per il foro. Un professionista può offrire consigli preziosi e garantire che il lavoro venga eseguito in modo sicuro ed efficace.

Articoli simili

- Annunci -

Commenti

  1. Salve, ho visto la vostra guida presa d’aria nel muro, chiedevo il foro deve avere una certa pendenza verso l’interno o deve risultare a livello dell’abitazione. Per intenderci meglio deve risultare parallelo al pavimento.
    Perché mi sono accorto che nella mia casa ci sono dei fori sui muri esterni che hanno una pendenza verso l’interno della casa e credo che così la condensa formatasi vada a ristagnare all’interno dei muri. Mi corregga se sbaglio. Grazie

    • Buongiorno Salvatore,

      Nell’installzione di questi apparecchi è consigliabile che il condotto abbia un’inclinazione verso l’esterno almeno dell’1%, proprio per evitare che eventuale condensa venga scaricata all’interno.

  2. Salve mi chiedevo c’è qualche consiglio che potete darmi sulla posizione del buco di ariazione… mi conviene farlo dove si presenta la macchia di muffa o più vicino alla porta che da al giardino o addirittura in alto 🤔 grazie anticipatamente

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tutorial Fai da te

Le guide di Almanacco

Progetti dei lettori

175,898FansLike
8,236FollowersFollow
97,382FollowersFollow
40,000SubscribersSubscribe