CartongessoMuraturaRivestire le pareti

Ristrutturare il sottotetto e renderlo abitabile

2
 
Solaio abitabileRistrutturare il sottotetto e renderlo confortevole non è certo un lavoro da poco. Partiamo da alcuni dati di fatto: non esiste alcun tipo di impianto, occorre un buon isolamento, bisogna far entrare un po’ di luce nel locale ed assicurare il necessario ricambio d’aria. Considerati questi elementi e superata la fase della progettazione degli spazi, l’utilizzo del cartongesso appare l’unica soluzione ragionevolmente possibile. La partizione dei volumi e la finitura, utilizzando i sistemi a secco, è molto più veloce di qualsiasi altra soluzione; il cartongesso possiede già di per sé caratteristiche isolanti termiche ed acustiche; le tramezze non gravano sulla soletta con pesi eccessivi, le crene per gli impianti non servono. La luce che entra dai lucernai, seppur questi abbiano dimensioni ridotte, viene amplificata e diffusa dal bianco continuo delle pareti. 

 

 

 

 

CONTROPARETE

Dove il soffitto spiovente incontra il pavimento si realizza una controparete alta una quarantina di centimetri, utilizzando montanti a forma di trapezio rettangolo e listelli, tutto in legno.
In questo spazio, prima di applicare le lastre, si fanno correre i conduttori per varie prese elettriche, le cui sedi si aprono nelle lastre con una sega a tazza.

PARETE DIVISORIA

La costruzione di una parete divisoria non ha in questo caso la sola funzione di ripartire l’ambiente: si tratta anche di nascondere le travi che sostengono il tetto, lasciando volutamente visibili solo gli elementi in posizioni prestabilite.
Lo scopo è anche quello di far correre tubazioni ed impianti all’interno dell’intelaiatura, semplificando notevolmente l’installazione delle diverse utenze.

  1. Pur con tutta la precisione del caso, i tagli sagomati per incassare le travi che devono rimanere a vista comportano fessure più larghe del normale, non colmabili con una semplice stuccatura. Si protegge il legno con nastro per mascheratura e si colmano le fessure con un ricco cordone di adesivo strutturale, facendolo penetrare all’interno. 
  2. L’adesivo viene compattato e lisciato con l’aiuto di una spatola, ripetendo più volte l’operazione.

Vedi anche

2 Commenti

  1. Grazie, ho questo problema con una soffitta praticamente uguale a quella fotografata. Ma come faccio a fare il pavimento?

     
    1. Buongiorno Giuseppa, attualmente da cosa è composto il pavimento della sua soffita? Travi di legno o massetto?

       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cartongesso