Pavimentare

Tipi di piastrelle

0
tipi di piastrelle, piastrelle, tipologie di piastrella, klinker, ceramica, cotto, grés porcellanato, marmo, mosaico, piastrelle sottili
 

Esistono vari tip di piastrelle che possono suddividersi in smaltate e non, valorizzate da una vetrificazione le prime, sia nell’aspetto sia nella resistenza alle macchie, molto porose e dall’aspetto rustico e naturale le seconde.

I tipi di piastrelle smaltate si ottengono attraverso due diversi procedimenti, la monocottura e la bicottura. Nella monocottura la pasta e lo smalto vengono cotti simultaneamente e si ottiene un prodotto molto robusto, idoneo per le pavimentazioni. La bicottura avviene in due fasi ben distinte, conferisce un maggior pregio alla piastrella che però è più delicata e adatta solo per i rivestimenti. La pasta di partenza può essere bianca o rossa. Per le ceramiche quest’ultima, più ricca di ferro, è meno usata perché la pasta bianca favorisce una resa cromatica migliore degli smalti. I prodotti sono più o meno resistenti a gelo e salsedine a seconda del tipo di argilla utilizzata.

Tipi di piastrelle – Legenda (sagoma foto di scena)

tipi di piastrelle, piastrelle, tipologie di piastrella, klinker, ceramica, cotto, grés porcellanato, marmo, mosaico, piastrelle sottili

tipi di piastrelle, piastrelle, tipologie di piastrella, klinker, ceramica, cotto, grés porcellanato, marmo, mosaico, piastrelle sottili

1: mosaico stone
2-4: piastrella di finto mosaico
3: ceramica smaltata
5-19-20: grès porcellanato
6: piastrella smaltata decorata
7-8-17: decori colorati a mano
9: mosaico ceramica smaltata
10-15-16: cotto fatto a mano
11-13: pezzi speciali finitura
12: cotto smaltato
14-27: ceramica lappata
18: mosaico di vetro
21: cotto arrotato
22-23: ceramica
24: ceramica vetrosa
25-26-27-28: mosaico

Tipi di piastrelle

tipi di piastrelle, piastrelle, tipologie di piastrella, klinker, ceramica, cotto, grés porcellanato, marmo, mosaico, piastrelle sottili

  1. Ceramica: facile da pulire, igienica e duratura, esiste anche il tipo “tecnico” che riproduce l’aspetto di altri materiali, quali seminati, radiche, mattoni e altre pietre, perfino pelle e cuoio. Può essere di mono o bicottura, smaltata e non.
  2. Cotto: assolutamente naturale, ottenuto da una miscela di acqua e argilla posta in stampi e cotta a temperature elevate. è poroso, perciò assorbente, e va sottoposto a trattamenti impermeabilizzanti dopo la cottura o dopo la posa.
  3. Grés porcellanato: ha grande durezza, è compatto e colorato, superficie e massa non sono distinguibili come nelle ceramiche smaltate in quanto lo smalto viene apposto a secco e pressato insieme all’argilla.
  4. Marmo: leader delle superfici lapidee per le colorazioni e le venature determinate dalle impurità imprigionate nella pietra originale. Essendo un materiale poroso necessita di trattamenti che ne limitino l’assorbimento di liquidi.
  5. Mosaico: piccole tessere di pasta di vetro o ceramica vengono premontate su un supporto di fibra di vetro o di carta che rende la posa molto simile a quella di una piastrellatura. Ideale per supporti curvi o sagomati. 
  6. Klinker: è il più tenace tra i materiali ceramici, ottenuto da argille ceramiche pure cotte a 1200 °C per 8-10 ore. Le finiture sono molte, grezze o smaltate, lisce o rugose, queste ultime utilizzate per camminamenti esterni antiscivolo.

Esistono, inoltre, tipi di piastrelle sottili di grès porcellanato che hanno spessore ridotto a soli 3 mm, disponibili anche in grandi formati e in lastre da 3×1 m. Queste caratteristiche si apprezzano particolarmente nelle ristrutturazioni, in quanto le lastre possono essere incollate al rivestimento esistente senza smantellarlo e senza dover apportare modifiche ai serramenti, sia su pareti sia su pavimenti. I grandi formati, posati con fugatura ridotta, hanno l’effetto di un rivestimento continuo.

Vedi anche

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Pavimentare