Fai da te costruzioni
Home / Ristrutturare casa / Lavori in casa / Cucina ristrutturare casa / Rinnovare la cucina senza cambiarla
rinnovare la cucina senza cambiarla, rinnovare la cucina, sottosopra, gapi paints, ciclo sottosopra, cucina rinnovata, colorare la cucina, cucina moderna

Rinnovare la cucina senza cambiarla

 

L’ambiente si trasforma cambiando solamente i colori e la brillantezza delle superfici, senza alienare mobili ed elettrodomestici da incasso. Il trattamento coinvolge le piastrelle, le pareti, il top cucina e le antine.

Rinnovare la cucina senza cambiarla pare impresa difficile… eppure non è affatto così! Quando si abita una casa per lungo tempo capita di abituarsi all’arredo, sino ad affezionarsene. Complici una certa “assuefazione” agli abbinamenti cromatici e il rassicurante calore che le cose ormai divenute intimamente proprie sanno infondere, si superano bellamente anche decenni di vita, senza far caso ai cambiamenti di stile, che certamente qualche film e qualche spot pubblicitario propongono.

A un certo punto, sempre che non sia intervenuto prima qualche inconveniente tecnico o qualche consistente danneggiamento, l’aspetto retrò dell’ambiente supera per entità il torpore della nostra assuefazione e improvvisamente ci accorgiamo di vivere in una casa oggettivamente demodé.

Chi si trovi in questa situazione (molto frequente perché non bisogna certo far passare molti decenni affinché si verifichi, spesso ne basta anche uno soltanto) è di fronte a una scelta: o intraprende un rinnovamento con sostituzione di mobili e, se necessario, dei rivestimenti e dei sanitari, oppure pensa di rinnovare la cucina senza cambiarla procurandosi alcuni barattoli di SottoSopra, il particolare trattamento di coloritura e finitura, bicomponente, applicabile a qualsiasi superficie della casa.

Quando si dice qualsiasi superficie, si intendono veramente tutte! Rinnovare la cucina senza cambiarla utilizzando SottoSopra risulta davvero utile perché il prodotto si può dare su mobili di legno massello o laminati, con superfici di metallo, pietra, marmo; lavandini di ceramica, alluminio, acciaio; sanitari di ogni genere, rivestimenti ceramici, ma anche direttamente sull’intonaco delle pareti, ottenendo un effetto impermeabilizzante, utilissimo in zona lavandino e fuochi.

Il ciclo SottoSopra consiste in una prima fase di coloritura della superficie, effettuata con un una o due mani di prodotto bicomponente che non richiede primer. La seconda fase è la finitura trasparente, sempre con prodotto epossidico, che a scelta può essere opaco, satinato o lucido.

Rinnovare la cucina senza cambiarla: la situazione di partenza

rinnovare la cucina
Negli anni ‘70 una cucina come questa era stilisticamente all’avanguardia, tant’è vero che è giunta sino al 2014 senza subire alcun cambiamento.Oggi, ovviamente, è più che normale rilevare una certa “stanchezza” stilistica, soprattutto per il motivo delle piastrelle a parete e per la patina assunta dal colore delle antine nel tempo.

 

Rinnovare la cucina senza cambiarla: Operazioni preliminari

  1.  Gapi SottoSopra è confezionato in latte contenenti due barattoli più piccoli con il componente base e l’indurente. La base può essere bianca, neutra, media, metallizzata o perlata; la scelta dell’una o dell’altra va fatta seguendo le indicazioni della cartella colori, a seconda di quello che si vuole riprodurre. I pigmenti sono confezionati in piccole boccette a grammatura calibrata in modo da ottenere la tonalità scelta e poterla replicare con precisione in un secondo tempo.
  2. Non è necessario smontare il lavello e la piastra dei fuochi; i più volenterosi possono sollevarli appena dal piano con alcuni spessori, altrimenti si proteggono i bordi con nastro maschera.
  3. Le antine vanno colorate anche internamente e sui bordi, pertanto conviene smontarle rimuovendo le viti che bloccano le cerniere su ogni modulo.
  4. In questo modo c’è il vantaggio di poter spostare il trattamento in un altro ambiente, lavorando in serie, con gli sportelli in piano.

Rinnovare la cucina senza cambiarla: preparazione del prodotto

rinnovare la cucina senza cambiarla, rinnovare la cucina, sottosopra, gapi paints, ciclo sottosopra, cucina rinnovata, colorare la cucina, cucina moderna

  1. Per ogni flacone che si apre, prima di qualsiasi altra cosa, bisogna omogeneizzare il contenuto rimescolandolo.
  2. Si apre la boccetta (o le boccette, se sono due) di pigmento e si versa interamente all’interno del componente B (il flacone più piccolo).
  3. Si mescola sino alla completa dissoluzione del pigmento; bisogna per questo raschiare bene l’interno del barattolo, soprattutto lungo le pareti.
  4. Si versa il contenuto del flacone A dentro la latta grande che confeziona l’intero prodotto. Anche in questo caso bisogna raccogliere bene tutto il contenuto.
  5. Ora si può versare il contenuto del flacone B, quello dove è stato sciolto il pigmento.
  6. Si mescolano accuratamente i due prodotti per almeno 3 minuti, quindi si lasciano riposare per 5 minuti.
  7. Mentre la miscela riposa, si usa il barattolo B per aggiungere un quantitativo d’acqua calibrato. Sul barattolo, infatti, c’è un segno evidente sul fianco che ne indica la quantità corretta.
  8. Versata l’acqua nella miscela e rimescolato bene il composto ancora una volta, si può procedere con la stesura, quindi si versa il prodotto dentro una vaschetta per rulli.
  9. Per le piastrelle delle pareti è stato scelto un grigio molto chiaro e neutro, che possa rendere più luminoso il piano di lavoro della cucina. La stesura inizia da un’estremità alta e procede verso il basso e di lato. Le passate si possono, anzi, si devono incrociare, soprattutto per riempire bene le fughe fra le piastrelle. Nei punti difficili, come negli angoli chiusi fra pensile e pensile di differente altezza, conviene usare un rullo stretto con fianchi diritti. Dove non passa neppure quello si può andare di pennello. Eventuali sbavature o colature vanno ripassate subito con il rullo, tirando a dovere il prodotto. Il colore fresco risulta più chiaro del dovuto, ma essiccando raggiunge la tinta scelta. Per questo, non appena si finisce, il lavoro può mostrare delle macchie: questo succede perché nei punti in cui ne è stato rilasciato di più, il prodotto asciuga più lentamente rispetto a dove ne è stato ceduto meno; una volta completamente essiccato, tutto si uniforma.

Rinnovare la cucina senza cambiarla: Trattare il Top, le antine e i frontali dei cassetti

  1. Importantissima la passata di spugna abrasiva e quella successiva con panno imbevuto di alcool etilico per rimuovere ogni traccia di unto che inevitabilmente si accumula sul top, soprattutto nella zona dei fuochi e del lavello.
  2. La scelta del rullo: i rulli rigidi con pelo raso sono ottimi per le superfici che non presentano parti rientranti o sagomate; i rulli di spugna bianca si adattano più facilmente a ogni tipo di superficie quali per esempio piastrellature, lavelli, sanitari in genere.
  3. ll prodotto va distribuito tendenzialmente in una direzione, incrociando a settori le passate per ottenere la massima uniformità.
  4. La finitura trasparente aggiunge corpo e profondità al colore di base. Il prodotto ha aspetto bianco lattiginoso, ma essiccando diviene del tutto trasparente. L’applicazione va effettuata almeno 24 ore dopo l’ultima mano di colore.
  5. La tinta originale degli sportelli della cucina è di una tonalità scura e decisa. Per evitare che il colore sottostante condizioni il risultato cromatico e di brillantezza di quello definitivo, è meglio stendere una mano di colore base bianco come fondo.
  6. Per applicare la prima mano di colore definitivo, essendo una tinta differente, è necessario attendere 24 ore.
  7. L’applicazione della seconda mano di una stessa tinta, invece, può essere fatta dopo 6 ore dalla prima.
  8. Anche la finitura trasparente è un prodotto epossidico, bicomponente; dentro la confezione di latta si trovano i due flaconi (componente A e componente B) e un libretto con la descrizione dettagliata per l’utilizzo.
  9. La preparazione, in questo caso, non essendoci da mescolare pigmenti e non dovendo allungare la miscela con acqua, risulta ancora più semplice e immediata: è sufficiente svuotare entrambi i flaconi all’interno della latta contenitore e miscelare accuratamente per rendere uniforme il composto che, come detto, assume un aspetto bianco e lattiginoso.
  10. La stesura del prodotto di finitura ha le medesime regole del colore base: si inizia con passate in una direzione e poi si incrocia per tirare meglio e uniformare il prodotto.
  11. Nel caso di superfici strette e lunghe si inizia nello stesso modo ma, quando si incrocia, il percorso del rullo molto breve richiede frequenti spostamenti laterali per procedere, con il risultato di lasciare quasi sicuramente evidenti striature trasversali. Una terza e ultima passata in senso longitudinale perfeziona la stesura. Rinnovare la cucina senza cambiarla non è mai stato così facile!

Maggiori info a questo Link

Acquista subito ciò che ti serve per rinnovare la tua cucina

Rinnovare la cucina senza cambiarla ultima modifica: 2018-02-03T16:20:12+00:00 da Redazione Bricoportale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *