Auto, moto e bici

Cromature: come lucidarle

1
lucidare cromature
 

Polvere, aria salmastra, asfalto, ruggine sono pericolosi nemici per le parti cromate: ecco un’utile guida per lucidare cromature di auto, moto, biciclette

Lucidare cromature è un’operazione necessaria quando il tempo, la polvere e gli agenti atmosferici hanno attenuato la brillantezza delle parti cromate. La continua manutenzione, a partire dalla costante pulizia, evita agli agenti esterni di danneggiare le superfici cromate. Queste, con il passare del tempo, sono sottoposte a una certa abrasione da parte di sassolini e polvere.

Nelle microfratture che si generano si insinua l’acqua che, ossidando il metallo sottostante, provoca i classici puntini e bolle distaccando la parte cromata dal supporto. Quando si “mettono via” la moto o la bici durante i mesi invernali bisogna lucidare le cromature ed effettuare un accurato lavaggio. Per difendere le parti cromate dall’eventuale umidità del locale di rimessaggio, possiamo stendere su di esse un velo di olio di vaselina con un panno.

La vaselina forma un sottilissimo strato impermeabile all’umidità dell’aria. Prima di riutilizzare il mezzo effettuiamo un altro lavaggio per eliminare la vaselina che tratterrebbe la polvere. In commercio esistono numerosi prodotti per lucidare le cromature da applicare con appositi panni, previo accurato lavaggio seguito da una buona asciugatura.

Cosa serve:

  • Shampoo per carrozzeria
  • Liquidi e paste protettivi, lucidanti per cromature
  • Panni per applicazione

Lucidare cromature – Le fasi

  1. Gli agenti atmosferici e l’abrasione provocata dal ghiaietto stradale rendono la cromatura opaca e punteggiata di numerose macchioline di ruggine su tutta la superficie.
  2. Prima di ogni altro intervento è essenziale procedere a un approfondito lavaggio che effettuiamo con acqua tiepida e shampoo per carrozzeria. Infine asciughiamo accuratamente la cromatura.
  3. Con un panno morbido e non peloso stendiamo sulla superficie un preparato lucidante e disossidante per parti cromate. Lo depositiamo con piccoli movimenti circolari in uno strato sottile.
  4. Una lucidatura molto più approfondita la possiamo ottenere montando la cuffia di agnello sulla levigatrice roto-orbitale che azioniamo alla velocità minore spostandoci lungo la superficie cromata.
  5. Lasciamo asciugare alcuni minuti e poi ripassiamo uno straccio asciutto che asporta il prodotto effettuando una prima lucidatura. Possiamo ripetere l’operazione sui punti che appaiono più danneggiati.
  6. Il risultato finale offre una cromatura rimessa al suo stato originale, brillante e liscia. Periodicamente effettuiamo la stessa operazione anche se non rileviamo danni particolari.

Con il Polish

Se la cromatura è molto danneggiata possiamo far precedere all’intervento con il lucidante un’applicazione di polish per auto che ha un certo potere abrasivo (1). Le operazioni da compiere sono le medesime, ma il passaggio finale possiamo effettuarlo anche solo con il panno passato più volte sulla superficie cromata (2).

Vedi anche

1 Commento

  1. […] sintetica, inclusa nella confezione, è ideale per la lucidatura della carrozzeria (o delle cromature) dei veicoli; la si usa ovviamente con l’apposita pasta per lucidare. La cuffia si monta come la […]

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *